Firenze, proteste contro il «vertice» Nato. Ma è solo un seminario

Corteo contro la Nato a Firenze

Corteo contro la Nato a Firenze

FIRENZE – Cortei di protesta a Firenze contro quello che chiamano «Vertice Nato» ma che è solo un «seminario» (termine utilizzato del programma ufficiale) di parlamentari degli Stati membri dell’Alleanza Atlantica. Si svolge a Firenze il 26-27 novembre, in una città controllata a vista dalle forze dell’ordine, soprattutto il centro storico, dove a Palazzo Vecchio si svolgono gli incontri.

Il «vero» vertice è quello che invece si tiene, per le questioni urgenti, a livello di capi di stato e di governo, che decidono le linee guida rese poi operative dalla struttura militare delle 28 nazioni alleate. Tutt’altra cosa dall’Assemblea Parlamentare della Nato, composta da membri dei vari parlamenti nazionali (per l’Italia ci sono 9 senatori e 9 deputati) che si riuniscono due volte l’anno per esprimere, raccomandazioni, risoluzioni, pareri e direttive, che vengono poi trasmessi ai Governi, ai Parlamenti nazionali e al Segretario Generale della Nato.

A Firenze non ci sarà neppure tutta l’Assemblea Parlamentare ma solo i rappresentanti del Gruppo Speciale Mediterraneo (Gsm) e della Sottocommissione sulle relazioni economiche transatlantiche (Escter).

Insomma, c’è da star tranquilli: da Palazzo Vecchio non partirà certo nessun ordine operativo alle forze militari dell’Alleanza, nonostante il clima teso nel Mediterraneo e gli attacchi terroristici in Europa. Prevista peraltro la presenza (in momenti diversi delle due giornate) dei Presidenti della Camera e del Senato, Laura Boldrini e Pietro Grasso, e del ministro dell’Interno Angelino Alfano. Scarica qui il programma completo delle riunioni.

Alla vigilia, ieri sera 25 novembre, un corteo di circa 500 persone ha attraversato il centro di Firenze (passando anche davanti a Duomo e Battistero) aperto da uno striscione «Le vostre guerre, i nostri morti. Basta guerre basta Nato». Durante il percorso sono stati accesi alcuni fumogeni ma non si è verificato nessun incidente né scontri con le forze dell’ordine, presenti in diversi punti del centro anche se «defilate».

Alla manifestazione hanno aderito esponenti di Sel, Rifondazione comunista, del gruppo per Unaltracittà, studenti dei collettivi medi e universitari, rappresentanti del mondo dei sindacati ed esponenti della sinistra antagonista cittadina e toscana.

 

 

Tags: ,

Lascia un commento

Logo Osservatore

Osservatore Libero

Oltre la Cronaca. News, report e commenti
Chi siamo

Seguici su:

Collegati

Previsioni Meteo a cura dell’Aeronautica Militare