Crac Banca Etruria, protestano alla Leopolda 6 i risparmiatori contro Renzi (Video)

La protesta dei risparmiatori alla Leopolda 6

La protesta dei risparmiatori di Banca Etruria alla Leopolda 6

FIRENZE – Sul piede di battaglia (pacifica) i risparmiatori vittime del crac delle banche stanno protestando a Firenze, nei pressi della Stazione Leopolda dove si sta svolgendo l’ultimo giorno della Leopolda 6 di Matteo Renzi. Animi surriscaldati dalla delusione per quello che a tutti gli effetti è considerato un tradimento. La maggior parte sono clienti (o quasi ex) di Banca Etruria, ma anche di Carife, CariChieti e Banca Marche.

Amarezza per essere tenuti a distanza da un cordone di polizia, in borghese, che non fa avvicinare nessuno. «Abbiamo forse la faccia da terroristi? Perché non possiamo andare anche noi alla Leopolda?» sono tra le frasi più ripetute.

Uno striscione anti Renzi e anti sistema, sintetizza gli stati d’animo: «In terra rossa vi siete scavati la fossa« portato da chi apertamente dichiara di aver votato Renzi alle primarie.

 

 

 

 

AGGIORNAMENTO ORE 15:30

L’aveva scritto Matteo Renzi stesso su un suo Tweet di ieri 12 dicembre: «Idee, progetti, proposte. Questa è la Impossibile giudicare senza vedere i volti di chi la rende viva». Intanto però oggi 13 dicembre il premier si è negato e ha delegato il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan a «guardare in faccia» i volti di una delegazione di risparmiatori di Banca Etruria, Carife, CariChieti e Banca Marche. Sono stati ricevuti intorno alle 11.30 ma l’esito non è stato certo soddisfacente per chi ha perso i suoi risparmi. «Abbiamo fatto presente al ministro – hanno riferito all’uscita – che il governo è ancora in tempo a cambiare l’emendamento alla legge di stabilità che prevederebbe un fondo di appena 100 milioni di euro a favore di tutti i risparmiatori danneggiati. È una cifra troppo bassa, da apparire quasi un’elemosina. Abbiamo diritto a riavere i nostri soldi non un’elemosina». «Tanto più – aggiunge il signor Vivi di Siena – che se il governo non interviene per un totale rimborso, c’è il serio rischio che i clienti che hanno obbligazioni anche di altre banche comincino a pensare di venderle subito. Sarebbe la paralisi per tutto il sistema bancario».

Ma nei fatti sembra che Padoan sia stato più ad ascoltare che a parlare. «Quello che stiamo facendo – ha detto poi ai giornalisti – è definire i criteri per l’ammissibilità (al risarcimento n.d.r.), criteri che saranno stabiliti con precisione: dobbiamo raccogliere informazioni, definire il collegio arbitrale. Ci sarà quindi eventualmente un principio arbitrale. Questa misura è indirizzata ai risparmiatori individuali, persone fisiche, e imprese individuali. Altri investitori istituzionali evidentemente non sarebbero compresi». Nella migliore delle ipotesi, non c’è da illudersi, i tempi saranno molto lunghi.

 

Risparmiatori Banca Etruria

 

 

 

 

Tags: , ,

Lascia un commento

Logo Osservatore

Osservatore Libero

Oltre la Cronaca. News, report e commenti
Chi siamo

Seguici su:

Collegati

Previsioni Meteo a cura dell’Aeronautica Militare