Arezzo: morto a 96 anni Licio Gelli, l’ex capo della P2

Licio Gelli

Licio Gelli

AREZZO – È morto stasera ad Arezzo Licio Gelli, l’ex imprenditore noto per essere stato il capo della loggia massonica P2. Aveva 96 anni. Si è spento poco prima delle 23 di oggi 15 dicembre, nella sua abitazione a Villa Wanda dove risiedeva da anni.

Da qualche tempo era stato ricoverato nella San Rossore a Pisa. Poi le condizioni erano ulteriormente peggiorate tanto da far decidere i familiari per un suo rientro ad Arezzo, dove in ospedale era stato visitato per un ulteriore controllo. Quindi è stato riportato nuovamente a Villa Wanda dove è spirato.

Nato a Pistoia il 21 aprile del 1919, Gelli è stato condannato per depistaggio delle indagini sulla strage di Bologna del 1980, dopo essere stato detenuto in Svizzera e Francia e coinvolto in varie inchieste, si era ritirato nella sua abitazione sulle colline di Arezzo dove è morto.   La villa Wanda era stata anche sottoposta a sequestro in un’inchiesta per reati fiscali, ma era tornata nella piena disponibilità di Gelli nel gennaio 2015 a seguito della prescrizione dei reati stessi. Gelli lascia la seconda moglie Gabriela (la prima Wanda è scomparsa da tempo) e tre figli Raffaello, Maurizio e Maria Rosa, la quarta figlia Maria Grazia è morta nel 1988 in un incidente stradale.

AGGIORNAMENTO

I funerali si svolgeranno giovedì 17 dicembre a Pistoia alle ore 15 presso le Cappelle del Commiato della Misericordia in via del Can Bianco. La salma verrà quindi sepolta nella cappella di famiglia nel cimitero monumentale della Misericordia di Pistoia, dove già riposa la prima moglie, Wanda.

 

Tags: ,

Lascia un commento

Logo Osservatore

Osservatore Libero

Oltre la Cronaca. News, report e commenti
Chi siamo

Seguici su:

Collegati

Previsioni Meteo a cura dell’Aeronautica Militare