Burkina Faso, terroristi in azione a Ouagadougou. Morti e ostaggi. Italiani bloccati (video)

Fiamme davanti all'Hotel Splendid di Ouagadougou (Twitter)

Fiamme davanti all’Hotel Splendid di Ouagadougou (Twitter)

OUAGAGOUDOU (Burkina Faso) – Morti, feriti e ostaggi stasera 15 gennaio a Ouagadougou, capitale del Burkina Faso, nell’Africa nord occidentale. Un inferno dai numeri ancora avvolti nel buio, come la città stessa. Alcuni tweet non ancora confermati parlano già di una ventina di morti. La città è bloccata, l’aeroporto chiuso al traffico e i voli in arrivo dirottati su altri scali.

Tutto è cominciato intorno alle 20,30, quando in Italia erano le 21.30. Un atto terroristico – di probabile matrice islamica – è iniziato presso l’hotel Splendid, uno dei migliori alberghi cittadini a 4 stelle in prossimità dell’aeroporto internazionale, molto frequentato da stranieri. Contemporaneamente è sotto tiro – sembra ci siano ostaggi – il Caffè Cappuccino, un noto locale di Ouaga (come gli abitanti chiamano sinteticamente la loro capitale) che si trova esattamente di fronte all’Hotel Splendid. Sembra che sia gestito da imprenditori libanesi e non italiani, come in un primo tempo si era sparsa la voce.

Attentato a Ouagadougou

Ad agire sarebbe stato un commando di almeno tre uomini armati e a volto coperto: prima alcune esplosioni, probabilmente due autobomba, poi sparatorie. La matrice potrebbe essere islamica: una rivendicazione è arrivata dal gruppo Al-Qaeda per il Maghreb Islamico (Aqim). Molte auto sono in fiamme. La situazione è in continua evoluzione.

La presunta rivendicazione di Al Quaeda

La presunta rivendicazione di Al Qaeda

Sembra che ci siano anche ostaggi presi dai terroristi, non si sa bene ancora se all’interno dell’albergo o al Cappuccino. Quest’ultimo «è un locale moderno e molto elegante, senza dubbio uno dei migliori della città e soprattutto molto frequentato. Il problema principale è che ha un unico ingresso. Una volta bloccato quello, per chi rimane dentro ci sono poche vie di scampo» dice – mentre da Carrara si sta mettendo in contatto con il Burkina – Giorgio Ricci delegato dell’Agenzia internazionale contro la cecità, che organizza frequentemente missioni in Burkina Faso con medici oculisti dalla Toscana.

«Noi stiamo bene ma la città è in fermento». Al telefono da Ouaga arriva la voce di Rossella Segreto Annigoni, la vedova del pittore Pietro Annigoni, che è Console onorario del Burkina Faso a Firenze. Accanto a lei c’è Vesna Annigoni, la nuora del maestro. Si trovano in Burkina per un periodico soggiorno di alcune settimane per gestire attività benefiche verso la popolazione più bisognosa. «Vediamo passare ambulanze e militari armati, ma dove ci troviamo noi la situazione è tranquilla. L’unica cosa che ci hanno detto è di non uscire per nessun motivo. Le notizie le abbiamo avute al telefono. Dalla televisione per ora niente» dice la signora Rossella, che parla da una foresteria all’interno del complesso sanitario Saint Camille.

Intanto il ministero degli esteri italiano a Roma ha attivato l’unità di crisi per verificare se ci sono italiani coinvolti nell’attentato. Punto di riferimento sono l’ambasciata italiana ad Abidjan in Costa d’Avorio (che ha competenza sul Burkina) e il Vice Consolato Onorario Italiano a Ouagadougou, diretto da Aline Giglio, il cui telefono non smette mai di squillare in questa lunga notte. L’unico contatto resta la mail: consulat.italie@fasonet.bf.

Tra i viaggiatori in partenza per l’Italia, come si rileva da Twitter, anche un gruppo del Movimento Shalom Onlus di San Miniato (Pisa) che doveva rientrare in Toscana. Erano già in aeroporto, ma sono dovuti tornare indietro.

 

VIDEO

 

AGGIORNAMENTO 16 gen 2016 ore 12:30

Il bilancio (ancora provvisorio) dell’attacco terroristico a Ouagadougou è di 27 morti e circa 150 ostaggi liberati dopo un blitz notturno dell’esercito con il supporto di forze speciali francesi. Gli attentatori sembra siano stati almeno 6 di cui certamente 3 sono stati uccisi. Dubbi su un quarto. In fuga gli altri.

La conferma dei numeri arriva direttamente dall’ambasciatore di Francia in Burkina Faso, Gilles Thibault, su Twitter : «Bilancio delle vittime 27 morti. Nazionalità ancora sconosciuta». «Circa 150 persone di 18 nazionalità differenti sono state evacuate e vengono assistite nei centri di primo soccorso».

OsservatoreLibero.it ha ricontattato al telefono a Ouagadougou il console onorario del Burkina Faso a Firenze, la signora Rossella Segreto Annigoni, vedova del pittore Pietro Annigoni. «La Tv locale è molto laconica – dice il console – le informazioni sono poche e ripetute. Dicono che tre terroristi sono stati uccisi e che tre sono in fuga. Potrebbero trovarsi ancora in città con il rischio di agire indisturbati. Per questo motivo nessuno può uscire dalle aree protette, anzi il consiglio è quello di rimanere in casa».

Alcuni dei tweet dell'ambasciatore francese

Alcuni dei tweet dell’ambasciatore francese

 

Tags: , , ,

Sandro Addario

Sandro Addario

Lascia un commento

Logo Osservatore

Osservatore Libero

Oltre la Cronaca. News, report e commenti
Chi siamo

Seguici su:

Collegati

Previsioni Meteo a cura dell’Aeronautica Militare