Carrara, ucciso sotto casa un maresciallo dei carabinieri

Carabinieri

CARRARA – Un maresciallo dei Carabinieri, Antonio Taibi, è stato ucciso davanti alla sua abitazione a Carrara. È successo nelle prime ore di oggi 27 gennaio in via Monterosso 2bis, nel centro storico cittadino non lontano dall’ospedale.

Maresciallo Capo Antonio Taibi

Maresciallo Capo Antonio Taibi

Il maresciallo Taibi, 47 anni, comandante del nucleo comando presso il Comando provinciale di Massa Carrara dei Carabinieri, è stato vittima di colpi d’arma da fuoco sparate da un uomo che avrebbe suonato il campanello di casa sua per freddarlo con alcuni colpi di pistola e che si è poi dato alla fuga. Immediato l’intervento dei sanitari del 118 ma per il carabiniere non c’era più niente da fare.

È caccia all’uomo a Carrara e nei dintorni per rintracciare l’assassino.

 

AGGIORNAMENTO ore 9.50

L’assassino si è costituto. In corso l’interrogatorio.

 

AGGIORNAMENTO ore 20

L’omicida si chiama Roberto Vignozzi, 72 anni, ex postino. Ha fatto fuoco lucidamente contro il maresciallo Taibi, a cui aveva suonato con una scusa il campanello di casa chiedendogli di poter scendere sul portone. Poi si è allontanato in auto, per andare a costituirsi alla procura di Massa.

Ha detto che voleva vendicarsi delle indagini che in passato il maresciallo Taibi aveva effettuato sul conto dei due figli Riccardo e Alessandro Vignozzi, di 31 e 23 anni. Il primo era stato arrestato anche per aver compiuto furti nelle scuole di Carrara, dove metteva la firma «Diabolik» il personaggio dei fumetti da lui preferito. Ci sono state poi altre condanne di lieve entità. Quindi ieri mattina, martedì 26 gennaio, l’ultima condanna in un processo per direttissima dove i due Vignozzi vengono condannati a un anno e otto mesi per possesso di una modica quantità di eroina. Il giudice, visti i precedenti, non concede le attenuanti e i due finiscono in carcere. Il padre non ne può più e si vendica contro il maresciallo dei carabinieri uccidendolo.

A Carrara, non appena appresa la notizia, è arrivato da Roma il Comandante generale dei Carabinieri, Tullio Del Sette, accompagnato dai generali Vincenzo Giuliani ed Emanuele Saltalamacchia rispettivamente comandante interregionale e della Legione Toscana. Hanno raggiunto i familiari del maresciallo all’obitorio dell’ospedale con il comandante provinciale di Massa tenente colonnello Giovanni Semeraro. «Un carabiniere straordinariamente bravo ed efficiente – ha detto Del Sette ricordando il maresciallo Taibi – un bravo investigatore. Un marito e padre esemplare, un carabiniere orgoglioso di esserlo. Un servitore dello Stato sicuramente encomiabile».

«Tutta la Toscana è in lutto per la morte del maresciallo Antonio Taibi – ha detto il Governatore Enrico Rossi – siamo vicini alla moglie e ai due figli del carabiniere in questo giorno terribile in cui il loro caro ha pagato il prezzo più alto per il suo servizio rivolto alla collettività». Rossi ha anche reso noto che la Regione sosterrà la famiglia del carabiniere anche concretamente, utilizzando il fondo di solidarietà riservato alle vittime del lavoro. «Sarà – ha detto – un aiuto concreto ma anche simbolico: il segno della presenza viva e partecipe della comunità regionale a fianco della famiglia di Antonio Taibi».

 

—————-

 

FUNERALI – I funerali del maresciallo capo Antonio Taibi si svolgeranno venerdì 29 gennaio 2016 alle 15 nel Duomo di Carrara. Accanto ai familiari e alle massime autorità dell’Arma è annunciata la presenza del Ministro dell’Interno Angelino Alfano e del Ministro della Difesa Roberta Pinotti

 

 

Tags: ,

Lascia un commento

Logo Osservatore

Osservatore Libero

Oltre la Cronaca. News, report e commenti
Chi siamo

Seguici su:

Collegati

Previsioni Meteo a cura dell’Aeronautica Militare