Charles Lindbergh ricordato a Firenze a 114 anni dalla nascita (Video-Foto)

Studenti dell'Istituto Lindbergh nell'aula simulazioni di volo

Studenti dell’Istituto Lindbergh nell’aula simulazioni di volo

FIRENZE – Aula magna affollata stamani 4 febbraio all’Istituto Tecnico Aeronautico Lindbergh di Firenze. Una giornata particolare che capita solo una volta l’anno: l’anniversario della nascita dell’asso dell’aviazione Charles Lindbergh (Detroit 4 febbraio 1902), l’americano che tra il 20 e il 21 maggio 1927 compì la prima traversata aerea in solitario e senza scalo dell’Oceano Atlantico.

È stata l’occasione per onorare la memoria di un «mito» dei cieli, ma anche quella di una «lectio magistralis» ai giovanissimi studenti della scuola fiorentina. Tutti nella loro divisa blu da «college», con un’età che va da 14 a 18 anni e una gran voglia di volare verso il futuro, frequentano una scuola paritaria – unica in Toscana – che li porterà a iscriversi all’università con una solida formazione di base per professioni come pilota, controllori di volo, tecnici del settore aeronautico, esperti di logistica aeroportuale.

A loro si è rivolto il colonnello (a) dell’Aeronautica Militare Carlo Enrico Paciaroni, presidente per la Toscana dell’Associazione Arma Aeronautica, con un’attualissima relazione sul tema: «The human factor». Il fattore umano, l’interfaccia uomo-macchina determinante come mai specie nella sicurezza del volo. Un binomio ormai inscindibile tra cervello umano e automazione, dove – ha ricordato il colonnello Paciaroni – «la macchina però non deve mai arrivare a surrogare l’uomo, perché l’uomo deve essere sempre in grado di poter intervenire sulla macchina. Il motivo è semplice: l’automazione non può gestire l’incertezza». Vedi qui la scheda completa della relazione sul «Fattore umano»

Tra gli ospiti alla cerimonia – accolti dalla amministratore della scuola Luciano Lazzeri e dal coordinatore scolastico colonnello (r) Massimo Mazzola dell’Aeronautica Militare – c’erano il colonnello Michele Buccolo, comandante della Scuola Militare Aeronautica Giulio Douhet, il colonnello Daniele De Cesari vice comandante dell’Istituto di Scienze Militari Aeronautiche, il vice questore aggiunto Francesco Trozzi comandante dell’8° Reparto Volo della Polizia di Stato, di base all’aeroporto Vespucci di Firenze.

Festa grande anche per i diplomati dell’anno scolastico 2014-2015 che, al termine dei cinque anni della scuola, hanno ricevuto dalle mani degli ospiti il diploma che gli permette l’iscrizione ai corsi universitari. Ecco i loro nomi: Bruni Andrea, Calderon Hernandez John, Chiavistrelli Lorenzo, Ciambellotti Alessandro, Comeglio Niccolò, Cuccuini Giovanni, Curatolo Lorenzo, Gargelli Matilda, Massai Filippo, Morarasu Pochim Gabriel, Seravalli Iacopo, Torrente Lorenzo, Valoriani Filippo.

 

VIDEO

 

FOTOGALLERY

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

Tags: , ,

Sandro Addario

Sandro Addario

Lascia un commento

Logo Osservatore

Osservatore Libero

Oltre la Cronaca. News, report e commenti
Chi siamo

Seguici su:

Collegati

Previsioni Meteo a cura dell’Aeronautica Militare