Lavoratori comunali in Toscana: per Cgil calano stipendi e occupazione

Polizia Municipale

Dipendenti comunali in difficoltà secondo la Fp Cgil

FIRENZE – In picchiata stipendi (-5%) e occupazione (-844 dipendenti) in Toscana per i lavoratori comunali. La denuncia arriva da Fp Cgil, che ha fatto una verifica capoluogo per capoluogo. Secondo il sindacato «maestre, polizia locale, amministrativi e gli altri hanno registrato un calo del salario tra il 2010 e il 2014 del 4,9% (passando da una media di 29.541,4 euro l’anno a una media di 28.092,94 euro), per una cifra in meno nelle tasche pari a 1.448,45 euro. A livello nazionale, i dipendenti comunali hanno registrato un calo del salario tra il 2010 e il 2014 di circa il 2,5%, pari a circa 740 euro in meno».

A Firenze, teatro della vertenza più complessa della regione per i lavoratori comunali, nello stesso periodo, si è determinato un crollo della retribuzione complessiva annuale dell’8,92%, cioè -2.714,2 euro per lavoratore, a fronte di un monte retribuzione complessiva annuale che scende da 137.770.105 a 118.081.029 euro. Sempre a Firenze, sul capitolo salario accessorio il calo medio in busta paga è stato del 39,21%, che tradotto vuol dire -2.234,3 euro in meno nelle tasche dei lavoratori.

Questa l’analisi del calo del monte retribuzione complessiva annuale (e percentuale di variazione del salario accessorio) dal 2010 al 2014 negli altri capoluoghi toscani:

  • Arezzo da 21.373.260 a 17.727.178 euro (salario accessorio: -22,35%)
  • Grosseto da 15.764.465 a 13.992.829 euro (salario accessorio: +1,18%)
  • Livorno da 38.493.636 a 34.924.200 euro (salario accessorio: +2,09%)
  • Lucca da 16.024.367 a 14.673.019 euro (salario accessorio: -18,81%)
  • Massa Carrara da 13.057.264 a 11.564.093 euro (salario accessorio: -26,27%)
  • Pisa da 22.797.988 a 22.220.103 euro (salario accessorio: +21,99%)
  • Pistoia da 22.790.567 a 20.243.215 euro (salario accessorio: -11,11%)
  • Prato da 30.183.609 a 27.668.466 euro (salario accessorio: +7,33%)
  • Siena da 20.968.608 a 17.786.690 euro (salario accessorio: -20,46%)

L’analisi della Fp Cgil riguarda anche l’andamento dell’occupazione dei lavoratori comunali, crollata anche questa (tra il 2010 e il 2014 sempre per i dipendenti dei Comuni toscani presi in esame) del 7,35%, cioè 844 dipendenti in meno. La più colpita come addetti persi è sempre Firenze con -267 (-5,9%), seguita da Livorno con -122 (-9,22%); la meno colpita è Lucca con -22 (-4,2%). Nel mezzo Arezzo (-93, calo percentuale del 13,17%), Prato (-88, calo percentuale dell’8,31%), Siena (-78, calo percentuale del 10,44%), Grosseto (-60, calo percentuale del 10,42%), Pistoia (-57, calo percentuale del 7%), Pisa (-32, calo percentuale del 4,17%), Massa (-25, calo percentuale del 5,71%). A livello nazionale, l’occupazione tra i dipendenti comunali in quel periodo di tempo è calata del’8,5%, pari a circa 8.400 posti di lavoro in meno.

Sul fronte retribuzioni, si legge in una nota del sindacato, «a determinare questo crollo ha inciso principalmente la voce ‘salario accessorio‘ che, nel corso dei cinque anni, è diminuita complessivamente del 26,57%, cioè circa 15 milioni di euro in meno tra quanto stanziato stanziato nel 2010 e quanto stanziato nel 2014. Escono fuori dati estremamente preoccupanti perché al calo del potere d’acquisto corrisponde, infatti, un ulteriore calo della retribuzione». Ma non basta perché «le norme previste dall’ultima legge di Stabilità impongono ulteriori tagli al salario accessorio, con il rischio di peggiorare ulteriormente la condizione delle lavoratrici e dei lavoratori, specie a fronte del ritardo che giorno per giorno si accumula sul rinnovo di contratti atteso da oltre sei anni».

 

Tags: , ,

Lascia un commento

Logo Osservatore

Osservatore Libero

Oltre la Cronaca. News, report e commenti
Chi siamo

Seguici su:

Collegati

Previsioni Meteo a cura dell’Aeronautica Militare