La rivista Playboy in vendita, sconfitta da Internet

Marilyn Monroe sul primo numero di Playboy nel dicembre 1953

Marilyn Monroe sul primo numero di Playboy nel dicembre 1953

NEW YORK – Playboy è in vendita per almeno 500 milioni di dollari. La storica rivista, simbolo della rivoluzione sessuale per decenni, non regge più la concorrenza di Internet, dove nudo ed erotismo sono a portata di clic.

La notizia arriva dal Wall Street Journal, anche se il quotidiano newyorchese sfuma il titolo con un «Playboy esplora la vendita» aggiungendo «L’editore potrebbe prendere più di 500 milioni di dollari». Una specie di sondaggio d’asta, ma la sostanza non cambia.

Dal primo numero nel dicembre 1953 con le foto senza veli di Marilyn Monroe venduto in 50mila copie, ai record del 1975 con oltre 5,5 milioni di copie, fino ai livelli attuali che non superano le 800 mila copie vendute in un anno negli Stati Uniti.

Dal 2011 Playboy Enterprise, la società di Hugh Heffner (prossimo a compiere 90 anni il prossimo 9 aprile) e titolare della testata, non è più quotata in borsa, da quando il suo fondatore ha deciso di ritirala dagli scambi, senza quindi più nessun obbligo di comunicare il proprio bilancio. Nel gennaio 2016 era stata messa in vendita la storica dimora di Heffner di 29 stanze 2 mila metri quadrati  in California per la stratosferica cifra di 200 milioni di dollari: 29 stanze. Ma non è stato ancora detto se è stato trovato un acquirente. E ora si allarga il paniere dell’offerta pensando alla rivista delle conigliette. E soprattutto a salvare un marchio. Finché possibile.

Tutta la storia di Playboy.

 

Lascia un commento

Logo Osservatore

Osservatore Libero

Oltre la Cronaca. News, report e commenti
Chi siamo

Seguici su:

Collegati

Previsioni Meteo a cura dell’Aeronautica Militare