Pneumatici, dal 15 aprile 2016 finito l’obbligo di quelli invernali

Dal 15 aprile si possono montare sulle auto le gomme estive

Dal 15 aprile si possono montare sulle auto pneumatici estivi al posto di quelli invernali

ROMA – Ci sarà un mese di tempo, dal 15 aprile al 15 maggio, per sostituire i penumatici invernali con quelli estivi. Quest’anno 2016 l’inverno è finito molto presto, la temperatura si è alzata rapidamente e tra pochi giorni, venerdì prossimo 15 aprile, terminerà l’obbligo su molte strade e autostrade italiane delle cosiddette «dotazioni invernali»: pneumatici invernali o catene da neve a bordo.

È il momento in cui si formano code presso i gommai. Prenotare il proprio turno per cambiare il treno di gomme non è sempre facile e conviene pensarci per tempo, per non ridursi all’ultimo momento. È un’occasione anche per una verifica dell’assetto delle ruote, controllo effettuato sempre troppo poco da parte dell’automobilista.

Se nel periodo dal 15 novembre al 15 aprile le dotazioni invernali sono un obbligo, questo non avviene per le gomme estive. Il loro montaggio è però largamente consigliato e in certi casi, se non effettuato, può portare anche a sanzioni. Vediamo perché.

  • le gomme invernali – più «morbide» di quelle estive – nei mesi caldi si consumano più rapidamente e necessitano di uno spazio di frenata più lungo in caso di emergenza. Una questione quindi di sicurezza e di durata degli pneumatici.
  • l’obbligo di sostituire le gomme invernali con quelle estive (ripetiamo entro il 15 maggio) c’è per tutti gli automobilisti che durante i mesi freddi montano pneumatici di con un codice di velocità inferiore a quello indicato sul libretto di circolazione. Si tratta di una lettera (per le auto varia da Q a Y) che si trova a pagina 3 del libretto di circolazione: corrisponde alla velocità massima cui i pneumatici montati su quell’auto possono teoricamente arrivare, fatti salvi naturalmente i limiti di velocità imposti sui singoli tratti stradali e autostradali.
  • Esempio: se sulla gomma si trova scritto 185/65 R15 88 T, significa che il codice di velocità è T. Se corrisponde alla lettera che è indicata sul libretto di circolazione, quel pneumatico può circolare anche d’estate, ferme restando tutte le riserve indicate al punto 1) in tema sicurezza e usura. Se invece d’inverno viene utilizzata una gomma con un codice più basso (ad es. S) questa va sostituita.
  • Dopo il 15 maggio, chi monta pneumatici non conformi a quelli indicati sulla carta di circolazione, rischia le sanzioni previste dall’articolo 78 del Codice della Strada: una multa compresa tra 419 e 1.682 euro, con ritiro della carta di circolazione ed invio in revisione del veicolo. E con il rischio che in caso di incidente l’Assicurazione non risarcisca i danni causati da un veicolo con le gomme non in regola.

Ne vale la pena?

 

Tags: ,

Lascia un commento

Logo Osservatore

Osservatore Libero

Oltre la Cronaca. News, report e commenti
Chi siamo

Seguici su:

Collegati

Previsioni Meteo a cura dell’Aeronautica Militare