Magistratura: Mattarella lo sa che a Firenze manca un Procuratore Generale?

La villa di Castel Pulci dove Mattarella arriverà il 28 aprile

La villa di Castel Pulci a Firenze Scandicci dove Mattarella arriverà il 28 aprile

FIRENZE – Non sarà un’inaugurazione come le altre quella del prossimo 28 aprile alla Scuola Superiore della Magistratura (Ssm) nella villa di Castel Pulci a Firenze. Al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che vi partecipa per il secondo anno consecutivo, non sfuggirà un’assenza importante. Quella di Tindari Baglione, Procuratore Generale presso la Corte d’Appello di Firenze, scomparso prematuramente il 28 giugno 2015 mentre era nel pieno della sua attività. Un incarico che però, a 10 mesi esatti di distanza, resta ancora – come si dice tecnicamente – «vacante». Di fatto la Procura Generale della Toscana non ha un «titolare», anche se le funzioni di supplenza sono svolte finora dall’Avvocato Generale della stessa Procura. E Mattarella vedrà dunque non solo l’assenza del dottor Baglione, ma quella di un magistrato che gli sia subentrato.

Presidente Sergio Mattarella

Presidente Sergio Mattarella

Il Capo dello Stato verrà a Castel Pulci anche nel suo ruolo di Presidente del Consiglio Superiore della Magistratura. Inaugurerà l’anno di formazione 2016 per centinaia di magistrati che, a più riprese e su varie competenze, arrivano da tutta Italia per partecipare a seminari e corsi di studio, in un’ampia offerta didattica. Lo scorso anno (era il 24 febbraio 2015) Mattarella nel suo intervento parlò tra l’altro di «strategie organizzative volte al recupero di efficienza; recupero necessario per rispondere efficacemente al bisogno di legalità fortemente avvertito nel Paese».

Nell’efficienza il cittadino comune vorrebbe probabilmente che fosse compresa anche la copertura dei posti di responsabilità di chi è chiamato ad amministrare la Giustizia. Un posto vacante da 10 mesi (che non è peraltro un record negativo, ce ne sono stati maggiori) al vertice di una Procura Generale non sembra proprio un gran segnale di efficienza. Almeno che non si voglia aprire un dibattito sull’attualità del ruolo delle Procure Generali, ma questa è una questione di altra prospettiva e competenza. Finché ci sono vanno fatte funzionare.

Sono circa una trentina i magistrati che – come di prassi – hanno presentato domanda per ricoprire il ruolo di Procuratore Generale a Firenze. Le varie candidature vengono esaminate dalla 5ª commissione del Csm che si occupa del conferimento degli incarichi direttivi e semidirettivi. Ne escono fuori 1 o 2 nomi che passano alla delibera del plenum del Consiglio.

Per quanto riguarda il Pg di Firenze, tutto è ancora fermo in commissione. Sembrava che la decisione fosse imminente già nello scorso febbraio 2016. Ora si parla già della prima metà di maggio. Probabilmente il Presidente della Repubblica, se volesse, potrebbe arrivare a Firenze il 28 aprile con qualche buon segnale anche su questo fronte.

 

 

 

 

Tags: , , ,

Sandro Addario

Sandro Addario

Lascia un commento

Logo Osservatore

Osservatore Libero

Oltre la Cronaca. News, report e commenti
Chi siamo

Seguici su:

Collegati

Previsioni Meteo a cura dell’Aeronautica Militare