Firenze, la Scuola della Magistratura di Castel Pulci cerca una foresteria

La Scuola della Magistratura di Castel Pulci

La Scuola della Magistratura di Castel Pulci

FIRENZE – Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella è venuto oggi 28 aprile all’inaugurazione dei corsi 2016 della Scuola Superiore di Magistratura nella villa di Castel Pulci sulle colline di Scandicci (Fi). Per il capo dello Stato è il secondo anno consecutivo e un’occasione per fare il punto sui rapporti tra giustizia, magistrati e politica (scarica qui il video del suo intervento).

Non è sfuggito ai presenti che quest’anno non si è parlato di un’esigenza della Scuola della Magistratura (Ssm) che da tempo cerca una foresteria per i magistrati che la frequentano. Ogni anno sono complessivamente oltre 5000 (in base alle diverse offerte formative e relativa durata) i magistrati che arrivano da ogni parte d’Italia alla villa di Castel Pulci, una splendida dimora sulle colline di Scandicci il cui nucleo originario risale al XIV secolo.

Il problema (non di poco conto) è dove far dormire tutti questi ospiti/allievi. Finora la Scuola, che ne affronta il costo, ha fatto convenzioni con strutture alberghiere a Firenze. Il problema è soprattutto la distanza e i tempi per raggiungere la Scuola.

L’anno scorso era stato auspicato il restauro del vicino complesso architettonico dell’Abbazia di San Salvatore e San Lorenzo a Settimo, un ex convento parte del quale ospita ora la canonica ma il cui nucleo centrale (ancora di proprietà privata) potrebbe benissimo essere recuperato. Il problema, come ci si può immaginare, è finanziario. Lo Stato (o la Regione) dovrebbe acquistare il complesso, restaurarlo e metterlo a disposizione della Scuola di Magistratura per farne una foresteria. «Uscio e bottega» – per usare una tipica espressione dialettale fiorentina – che risolverebbe molti problemi.

La questione è però ancora ferma nei tavoli del ministero della Giustizia (qualcuno dice dello stesso ministro) che dovrebbe trovare un’intesa con Regione Toscana, comuni di Scandicci e Firenze, per finanziare l’opera magari ricorrendo, ove disponibili, anche a fondi europei. Che però non coprono tutta la spesa. Qualcuno ci deve mettere il resto. Ma nessuno ha «fretta» di farlo. Così nel frattempo si preferisce continuare a pagare l’albergo e rimandare il problema.

 

L'arrivo del presidente Mattarella a Castel Pulci accolto dal coro delle voci bianche della Scuola di Musica di Scandicci

L’arrivo del presidente Mattarella a Castel Pulci accolto dal coro delle voci bianche della Scuola di Musica di Scandicci

 

 

Tags: ,

Lascia un commento

Logo Osservatore

Osservatore Libero

Oltre la Cronaca. News, report e commenti
Chi siamo

Seguici su:

Collegati

Previsioni Meteo a cura dell’Aeronautica Militare