Prato, gatti da tutto il mondo alla Mostra internazionale felina

Oltre 500 esemplari di gatti alla mostra di Prato

Oltre 500 esemplari di gatti alla mostra di Prato

PRATO – Oltre cinquecento esemplari di gatti di trenta razze diverse. Sono i protagonisti della Mostra internazionale felina di due giorni, aperta a Prato oggi 14 maggio fino a domani domenica 15.

Organizzata dall’Associazione nazionale felina italiana – Sezione Toscana la manifestazione si svolge all’insegna dell’amore e della passione per il felino domestico, offrendo ai visitatori la possibilità di ammirare alcuni tra gli esemplari più belli. Sono oltre 500 i gatti che, al seguito dei loro proprietari, sono arrivati e arriveranno domani in città da tutta Italia ma anche da Svizzera, Polonia, Austria, Spagna e Francia.

Tra le razze che si potranno ammirare ci saranno i famosi Certosini i gatti dei monasteri francesi Chartreux, i Blu di Russia, i gatti degli Zar, i Bengal con il loro favoloso mantello leopardato e gli Sphinx, senza pelo. E ancora i giganti americani Maine Coons e i Norvegesi delle Foreste, i Ragdolls, i Persiani, i “gatti pescatori” Kurilian Bobtail, gli Esotici, i Siamesi e gli Orientali, oltre ad alcuni simpatici e coccoloni gatti di casa.

Alla manifestazione non mancano i Best in Show con la scelta dei migliori soggetti. Domenica 15 alle 14,30 è previsto anche un incontro scientifico sul tema «Insufficienza renale cronica e malattia infiammatoria intestinale. Due realtà conosciute ma ancora da indagare: work in progress con l’università degli studi di Perugia» tenuto dal professor Fabrizio Rueca, ordinario presso l’Università di Perugia.

La mostra è aperta al pubblico dalle 10 alle 18.30, presso il Palazzetto dello Sport Estraforum Maliseti (via Maliseti) a Prato. Biglietto intero 7,50 euro, ridotto 5 euro.

Questo il sito ufficiale della manifestazione

 

Gatto

 

Tags: ,

Lascia un commento

Logo Osservatore

Osservatore Libero

Oltre la Cronaca. News, report e commenti
Chi siamo

Seguici su:

Collegati

Previsioni Meteo a cura dell’Aeronautica Militare