Acqua razionata a Firenze e Prato dopo la voragine vicino a Ponte Vecchio

La voragine sul Lungarno Torregiani a Firenze

La voragine sul Lungarno Torregiani a Firenze

FIRENZE – Autobotti in diversi punti di Firenze per rifornire di acqua gli abitanti con i rubinetti a secco. Questa una delle prime immediate conseguenze della voragine apertasi stamani 25 maggio sul lungarno Torrigiani poco dopo le 6, conseguente alla rottura di una tubazione dell’acquedotto. A pochissima distanza dal Ponte Vecchio si è formato un cratere largo circa 7 metri per 5 e lungo oltre un centinaio di metri, che ha inghiottito una ventina di auto senza, per puro caso, causare vittime o feriti tra le persone. In altri orari della giornata sarebbe stata una strage, visto l’alto numero di turisti su quel tratto di lungarni davanti agli Uffizi.

Ma ora l’emergenza si chiama acqua. Nella mattinata molte zone della città sono rimaste a secco o hanno subito forti riduzioni di pressione. Dalla Fortezza a Porta Romana. Tra queste anche la zona dell’ospedale di Careggi, dove l’emergenza è stata risolta grazie al serbatoio di riserva che ha un’autonomia di 24 ore ma che dalle 10 a dopo le 12 aveva cominciato a diminuire.

Poco dopo le 13 di oggi 25 maggio Publiacqua ha informato di aver «appena concluso le manovre di rete per consentire la rimessa in funzione a pieno regime dell’Impianto dell’Anconella per l’approvvigionamento della riva destra d’Arno della città». La voragine e il problema più serio era però sulla riva sinistra. Un particolare che al cittadino disattento può anche sfuggire, specie se non pratico di mappe dei fiumi. Tanto che Publiacqua ha anche aggiunto che «in virtù della riapertura dell’acqua la situazione dell’approvvigionamento idrico tornerà gradualmente a normalizzarsi nella parte di Firenze in riva destra d’Arno, nelle zone di Sorgane e limitrofe, nelle zone di Isolotto e Legnaia».

L’emergenza non si ferma a Firenze. «È stato necessario –prosegue Publiacqua – chiudere anche l’integrazione dell’acqua che da Firenze serve Prato e questo sta provocando problemi di approvvigionamento anche su questa città. I nostri tecnici stanno effettuando manovre e interventi su impianti e reti per ridurre i disagi specialmente nelle ore di maggior consumo.

In conseguenza dei lavori in corso e degli sbalzi di pressione sulla rete possono verificarsi temporanei fenomeni di torbidità anche nelle zone dove l’acqua non è mancata e dove l’acqua tornerà nelle prossime ore». Poi alle 16 un nuovo tweet: : «finito bypass su lungarno Torrigiani acqua sta tornando anche nelle vie limitrofe».

 

VIDEO DEL CROLLO (da YouReporter)

 

 

 

Tags:

Sandro Addario

Sandro Addario

Lascia un commento

Logo Osservatore

Osservatore Libero

Oltre la Cronaca. News, report e commenti
Chi siamo

Seguici su:

Collegati

Previsioni Meteo a cura dell’Aeronautica Militare