Carosello dei Carabinieri 2016, ecco il video dal drone e foto

Il numero 202 disegnato dai cavalli del 4° Reggimento per il compleanno dei Carabinieri

Il numero 202 disegnato dai cavalli del 4° Reggimento per il compleanno dei Carabinieri

ROMA – Sono state riprese per la prima volta da un drone le immagini, sempre emozionanti, del Carosello Storico del Carabinieri, che oggi 6 giugno hanno celebrato a Roma e in tutta Italia il 202° anno dalla loro fondazione.

Spettacolo suggestivo presso la caserma «Salvo D’Acquisto» a Tor di Quinto a Roma, davanti al presidente della Repubblica Sergio Mattarella e a quello del Senato Pietro Grasso, le massime cariche dello Stato e i vertici delle Forze Armate e di Polizia. Tutti accolti dal Comandante Generale dei Carabinieri, generale Tullio Del Sette e dai massimi vertici dell’Arma.

A un certo momento del carosello cavalli e cavalieri del 4° Reggimento hanno «disegnato» sul campo il numero 202 per celebrare gli oltre due secoli dalla fondazione dell’Arma. Momento immortalato dal drone che per tutta la cerimonia ha sorvolato la caserma, fino alla tradizionale «carica» che rievoca quella dei Carabinieri durante la battaglia di Pastrengo del 1848 durante la Prima guerra d’Indipendenza.

Prima del carosello, ìl saluto ai Carabinieri è stato rivolto, come di prassi, dal Ministro della Difesa Roberta Pinotti. Dopo aver rivolto un pensiero e un ringraziamento ai militari cui è stato concesso un riconoscimento per essersi particolarmente distinti in attività di servizio, il ministro ha sottolineato come «la natura militare dell’Arma dei Carabinieri ha consentito alla sua parte dedicata alle missioni all’estero di dimostrarsi all’altezza anche in situazioni difficili in territori non ancora pacificati e con zone di conflitto, come soprattutto in Afghanistan». «Altre storie, come quelle dei Comandanti di Stazione – ha poi detto il ministro Pinotti – testimoniano il contatto e l’ascolto, continuo e capillare, di concerto con la Magistratura, dei cittadini e delle loro istanze ed esigenze in materia di tutela dell’ordine e della legalità, in situazioni che vanno dalla microcriminalità alle infiltrazioni mafiose e camorristiche». Leggi qui il testo completo dell’intervento del Ministro Pinotti

Questi i riconoscimenti consegnati dal Presidente della Repubblica Mattarella:

Medaglia d’Oro al “Merito della Sanità Pubblica” alla Bandiera di Guerra dell’Arma dei Carabinieri con la seguente motivazione: «L’Arma dei Carabinieri ha continuato a dare prova di spiccata professionalità ed encomiabile impegno nella salvaguardia della salute pubblica, conseguendo brillanti risultati, grazie allo sforzo del Comando Carabinieri per la Tutela della Salute e al costante apporto di tutti i reparti territoriali. Le innumerevoli azioni di prevenzione e di contrasto, in piena unità d’intenti con le strutture ministeriali, hanno riscosso la riconoscente ammirazione della collettività ed esaltato il prestigio dell’Istituzione in Italia e all’estero». Territorio nazionale ed estero 2013 – 2016.

Medaglia d’Oro al Valore Civile alla memoria al MAsUPS Antonio Taibi, Comandante del nucleo comando del Comando Provinciale di Massa Carrara: «Libero dal servizio, non esitava ad affrontare, disarmato, il genitore di un giovane arrestato anni prima e poi condannato per reati in materia di stupefacenti. L’uomo animato da irragionevole rancore nei suoi riguardi, lo feriva mortalmente sparandogli un colpo di pistola. Esemplare interprete dei più alti valori etici dell’Arma dei Carabinieri, con il suo estremo sacrificio sublimava una vita mirabilmente dedicata all’adempimento del dovere». Carrara (MS), 27 gennaio 2016

Medaglia d’Oro al Valore Civile al Brig. Capo Maurizio Seritti e all’App. Sc. Massimiliano Maialetti, effettivi al NORM della Compagnia di Tagliacozzo (AQ): «Con eccezionale coraggio, ferma determinazione e cosciente sprezzo del pericolo, non esitavano a intervenire in una fabbrica di fuochi pirotecnici interessata da una forte esplosione, riuscendo a raggiungere e a estrarre dalle macerie quattro persone. Successivamente, benché investiti dall’onda d’urto, mettevano in salvo una quinta persona. Chiaro esempio di elette virtù civiche e non comune senso del dovere». Tagliacozzo (AQ), 09 luglio 2014;

Medaglia d’Oro al Valore dell’Arma dei Carabinieri al Mar.A.s.UPS Lorenzo Masala e Medaglia d’Argento al Valore dell’Arma dei Carabinieri al Magg. Walter Calvi, al Brig. Nicola Guzzo e al V. Brig. Massimiliano Temperini: «Militari effettivi alla 2^ Brigata Mobile, evidenziando altissimo senso del dovere, spiccata professionalità e singolare perizia, partecipavano a delicata e pericolosa operazione per la liberazione di ostaggi in territorio afghano. Fatti segno a proditoria e violenta azione di fuoco, nel corso della quale rimaneva gravemente ferito il Mar.A.s.UPS Lorenzo Masala investito dall’esplosione di una bomba a mano, non esitavano a rispondere con una controffensiva che si concludeva con la liberazione di 31 ostaggi. Chiaro esempio di elette virtù militari e altissimo senso del dovere». Herat (Afghanistan), 3 novembre 2011;

 Medaglia d’Argento al Valore Civile al Ten. Col. Claudio Rubertà, Comandante del Nucleo Radiomobile di Roma: «Con eccezionale coraggio e cosciente sprezzo del pericolo, non esitava ad affrontare un uomo armato che minacciava i passanti. A seguito di violenta colluttazione, riusciva, benché gravemente ferito, a bloccarlo e a farlo trarre in arresto. Chiaro esempio di elette virtù civiche e non comune senso del dovere». Roma, 10 settembre 2014;

 Medaglia d’Argento al Valore Civile al Brig. Ca. Salvatore Cottone, Comandante del Nucleo Comando della Compagnia di Villacidro (CA): »Con eccezionale coraggio ed esemplare altruismo, libero dal servizio, non esitava a soccorrere una persona gravemente ferita, rimasta intrappolata tra le lamiere della propria auto, già interessata da un incendio, e a porla in salvo poco prima dell’esplosione del mezzo. Chiaro esempio di elette virtù civiche e non comune senso del dovere». Villacidro (CA), 14 dicembre 2014;

 Medaglia d’Argento al Valore Civile all’App. Sc. Danilo Massetti, effettivo all’Aliquota Operativa della Compagnia di Seregno (MB): «Con ferma determinazione, esemplare iniziativa ed eccezionale coraggio, libero dal servizio e disarmato, durante una rapina in un supermercato non esitava ad affrontare uno dei malfattori, armato di pistola. Durante la violenta colluttazione riusciva ad immobilizzare il malvivente, venendo però aggredito alle spalle dal complice che lo colpiva ripetutamente alla testa con il calcio della pistola, rimanendo gravemente ferito. Chiaro esempio di elette virtù civiche e non comune senso del dovere». Cesano Maderno (MB), 29 gennaio 2015.

Premiati anche, come tradizione, cinque Comandanti di Stazione per la loro costante e silenziosa attività a fianco dei cittadini. «Un rapporto – si legge in una nota – che spesso travalica le problematiche inerenti la sicurezza e la legalità sfociando in esigenze legate al vivere quotidiano». Quest’anno sono premiati i seguenti Sottufficiali:

  • Fiorello Rossi, Comandante della Stazione di Jesi (AN);
  • MAsUPS Roberto Guasco, Comandante della Stazione di Rivergaro (PC);
  • MAsUPS Dario Stefano Scanu, Comandante della Stazione di Torino Po Vanchiglia (TO);
  • MAsUPS Arturo D’Amico, Comandante della Stazione di Campomarino (CB);
  • Ca. Luigi Di Gioia, Comandante della Stazione di Platì (RC).

 

IL VIDEO DEL CAROSELLO DAL DRONE DEI CARABINIERI

 

 

FOTOGALLERY  (30/30)

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

IL VIDEO COMPLETO DELLA CERIMONIA

 

 

Tags: ,

Sandro Addario

Sandro Addario

Lascia un commento

Logo Osservatore

Osservatore Libero

Oltre la Cronaca. News, report e commenti
Chi siamo

Seguici su:

Collegati

Previsioni Meteo a cura dell’Aeronautica Militare