Gavettoni di fine scuola a Firenze, vigilessa in ospedale

La fontana di piazza Santo Spirito a Firenze

La fontana di piazza Santo Spirito a Firenze dove è caduta la vigilessa

FIRENZE – Festa di fine anno scolastico finita male per 9 studenti e una vigilessa della Polizia Municipale rimasta infortunata. È successo stamani 10 giugno in piazza Santo Spirito a Firenze, quando un centinaio di ragazzi del vicino Istituto superiore Capponi ha improvvisato una festa in occasione dell’ultimo giorno di scuola. Prima si sono seduti sul sagrato della chiesa, poi hanno tentato alla spicciolata di avvicinarsi alla fontana per riempire bottigliette d’acqua per fare gavettoni. Un tentativo questo bloccato da agenti della Polizia Municipale già presenti sul posto. Nel parapiglia un ragazzo è riuscito a spingere nella fontana una compagna di classe, quando una vigilessa – nel tentativo di bloccarlo – è scivolata per terra battendo la testa. Un collega in servizio, dopo essersi accertato delle sue condizioni e aver allertato la centrale, si è messo all’inseguimento del ragazzo, che però è riuscito rapidamente a far perdere le sue tracce nelle strette strade del rione di Santo Spirito.

Sul posto nel frattempo sono arrivate altre pattuglie della Polizia Municipale e dei Carabinieri che hanno trovato la fontana piena di ragazzi. Nove sono stati identificati. Per loro è scattata la multa da 160 euro per essere entrati nella fontana. In caso di minorenni il verbale sarà notificato ai genitori. La vigilessa è stata ricoverata all’ospedale di Santa Maria Nuova per accertamenti, ma le sue condizioni non destavano preoccupazioni.

«La Polizia Municipale – si legge in una nota – effettuerà ulteriori accertamenti anche sulla base della documentazione fotografica valutando la possibilità di procedere con denunce penali».

«All’agente ferita la solidarietà mia e dell’Amministrazione – ha detto l’assessore alla sicurezza urbana e Polizia Municipale Federico Gianassi – Ogni giorno i vigili sono impegnati sulle strade per la sicurezza di cittadini e dei turisti e per il rispetto della legalità. E di questo voglio ringraziarli».

Più pesante il commento della Rappresentanza Sindacale Unitaria del Comune di Firenze. «La Rsu – si legge in una nota – ci aveva visto lungo. Più volte e in più occasioni aveva lamentato l’inadeguatezza organizzativa del comando della polizia municipale. Questa volta è toccato ad una vigilessa, la quale si è procurata una commozione cerebrale durante il servizio. La sua colpa è stata quella di tentare di eseguire gli ordini insieme ad un collega, cioè: tutelare la fontana monumentale di piazza Santo Spirito dall’assalto di qualche centinaio di studenti che si erano dati appuntamento per festeggiare l’ultimo giorno di scuola».

«Una pattuglia, una sola pattuglia composta da due agenti, – prosegue la nota sindacale – richiesta ed inviata a contrastare centinaia di giovani euforici. Il servizio non è stato preventivato né programmato come avrebbe dovuto essere considerato l’entità del problema e le persone da tenere a bada. Questo è quanto contestiamo a questo comando, che continua a concepire servizi, senza curarsi della sicurezza degli operatori, come successo con i servizi ‘piazzesicure’, ‘servizio moschea’, ‘servizi antiabusivismo’. Siamo stanchi di rischiare per la leggerezza di chi ci comanda. Che qualcuno intervenga prima che qualche lavoratore ci lasci la pelle!».

 

Tags:

Lascia un commento

Logo Osservatore

Osservatore Libero

Oltre la Cronaca. News, report e commenti
Chi siamo

Seguici su:

Collegati

Previsioni Meteo a cura dell’Aeronautica Militare