Firenze, quattro cani e la padrona salvati in Arno dalla Polizia

Polizia Golden Retriever

I quattro cani Golden Retriever salvati dalla Polizia in Arno

FIRENZE – Salvati in Arno a Firenze dalla Polizia una donna e i suoi quattro cani Golden Retriever che stavano rischiando di affogare. È successo nel pomeriggio del 17 giugno nel parco dell’Albereta, che corre lungo la riva sinistra del fiume nella zona sud della città parallelo a via di Villamagna.

Una donna, durante una consueta passeggiata nel parco insieme ai suoi 4 cani, è scesa in Arno nel tentativo di soccorrere il più piccolo di loro, un cucciolo di nome «Bloom» che per gioco si era tuffato in acqua. Prima aveva provato a richiamarlo poi, dopo essersi tolta le scarpe, si era spinta in acqua per riacchiapparlo. La situazione è diventata pericolosa quando, a causa del terreno scivoloso, anche la padrona è rimasta bloccata nel fiume senza possibilità di risalire. A peggiorare la cosa sono stati anche gli altri 3 cani, che, vedendola in difficoltà o forse pensando ad un gioco, si sono a loro volta tuffati in acqua.

Le grida di aiuto della donna e l’abbaiare dei cani hanno richiamato l’attenzione di alcuni passanti dall’altra sponda dell’Arno che hanno chiamato subito il 113 della Polizia. Dalla centrale operativa della Questura l’allarme è stato girato alle Volanti di zona. Un agente del primo equipaggio (Volante Stadio) arrivato sul posto si è sporto in acqua, utilizzando una cintura come corda di fortuna mentre un collega lo tratteneva per le caviglie permettendogli così di sporgersi al massimo.

Dopo pochi minuti è arrivata un’altra pattuglia, la Volante Centro. Così i quattro poliziotti hanno formato una vera e propria «catena umana» riuscendo a mettere, uno ad uno, tutti in salvo: cani e padrona. Tra gli applausi della gente e la felicità di tutti e cinque gli scampati alla brutta avventura.

 

 

Tags: , , , ,

Lascia un commento

Logo Osservatore

Osservatore Libero

Oltre la Cronaca. News, report e commenti
Chi siamo

Seguici su:

Collegati

Previsioni Meteo a cura dell’Aeronautica Militare