Festa dei nonni 2016: a ricordare il 2 ottobre ci pensa il doodle di Google

Mano per la mano la vita va avanti

Mano per la mano la vita va avanti

FIRENZE – Oggi domenica 2 ottobre è la Festa dei nonni. Una ricorrenza che in Italia pochi ricordano, quasi fosse scomoda. L’unico a segnalarlo è Google con il suo doodle del giorno, diffuso solo in Italia, dove sono rappresentati gatti anziani e gattini che leggono un libro.

Per il resto i nonni non attirano l’attenzione del business commerciale (non c’è il «bacio di cioccolata» del nonno) ma neanche quella delle istituzioni.

Poche le eccezioni. Tra queste le «Nonniadi» a Roma promosse da Acli e Vicariato, che prevedono incontri a bocce e briscola tra nonni e nipoti. Come pure a Milano, i nonni meneghini saranno festeggiati al Pirellone, che resterà aperto per loro tutta la giornata del 2 ottobre.

Festa per legge

Nel resto d’Italia le iniziative si contano sulle punte delle dita. Eppure la Festa dei nonni è una ricorrenza celebrata in molti paesi del mondo: dagli Stati Uniti al Regno Unito, dal Canada alla Francia. In Italia venne ufficializzata addirittura con una legge dello Stato, ancora in vigore.

È la legge 31 luglio 2005, numero 159, nella quale si volle istituire la ricorrenza per celebrare «l’importanza del ruolo svolto dai nonni all’interno delle famiglie e della società in generale». Regioni, province e comuni avrebbero avuto la possibilità (si badi bene, non l’obbligo) di «promuovere, nell’ambito della loro autonomia e delle rispettive competenze, iniziative di valorizzazione del ruolo dei nonni».

Il premio fantasma

Non solo ma era stato istituito anche il «Premio nazionale del nonno e della nonna d’Italia», in favore dei nonni che si fossero distinti «per aver compiuto azioni particolarmente meritorie sul piano sociale». Lo avrebbe conferito annualmente il Presidente della Repubblica ai nonni che sarebbero risultati nei primi dieci posti di una graduatoria deliberata da una apposita Commissione ministeriale.

Del premio se n’è persa la traccia. Inutile? Costa troppo? Nessuna risposta. Dal Quirinale la Festa dei nonni 2016 appare solo all’interno di un discorso del Presidente Mattarella, tenuto venerdì 30 settembre alla tenuta di Castelporziano aperta ad anziani e disabili: «Domenica sarà la festa dei nonni. Un augurio a tutti i nonni! Faccio anch’io parte della categoria!». Lo scorso anno (a 10 anni dall’entrata in vigore della legge 159) ci fu un incontro nonni-nipoti al Quirinale. Poche decine di persone e tutto si esaurì rapidamente.

Festa dei nonni in famiglia

I nonni comunque non sono una «categoria» che chiede riflettori e pergamene. Sanno bene di essere solo di supporto. Come pure non devono imporsi ma avere la pazienza di aspettare di essere cercati da figli e nipoti. Cosa non certo facile, volontà a parte, dati i crescenti quotidiani ritmi di vita di tutti.

Per la festa dei nonni, basterebbe un bacio o una carezza in più. O anche, molto più semplicemente, la mano del nipotino che cerca quella del nonno o della nonna. Non c’è bisogno di premi, basta uno sguardo. O, alla maniera moderna, anche un semplice sms con «auguri nonno». Purché spontaneo. Per il resto, pazienza se non c’è a tavola la torta della nonna alla crema, o la torta del nonno al cioccolato. A una certa età, dopo che ai nipoti, bisogna pensare anche al colesterolo.

Il doodle per la Festa dei nonni 2016

Il doodle per la Festa dei nonni 2016

 

 

Tags: , ,

Sandro Addario

Sandro Addario

Lascia un commento

Logo Osservatore

Osservatore Libero

Oltre la Cronaca. News, report e commenti
Chi siamo

Seguici su:

Collegati

Previsioni Meteo a cura dell’Aeronautica Militare