Esercito, Divisione Friuli : Lamanna nuovo comandante subentra a Godio

caserma-predieri-2-copia

Le bandiere delle Brigate della Divisione Friuli

FIRENZE – Cambio di comando alla Divisione Friuli dell’Esercito che ha sede a Firenze. Lascia il generale di divisione Flaviano Godio, cavaliere, chiamato a Torino come vice comandante del Comando per la Formazione e Scuola di Applicazione dell’Esercito. Gli subentra il generale di divisione Carlo Lamanna, artigliere, già comandante tra l’altro della Brigata corazzata «Pinerolo». Il passaggio di consegne è avvenuto oggi 27 ottobre nel piazzale della caserma Predieri di Rovezzano, alla periferia est di Firenze, davanti al superiore gerarchico nella linea di comando. È il generale di corpo d’armata Bruno Stano, fante, capo del neo costituito Comando Forze Operative Nord (Comfop Nord), precedentemente chiamato Comando Forze di Difesa Interregionale Nord. La Regione Toscana era rappresentata dal presidente del Consiglio Regionale Eugenio Giani.

LA DIVISIONE FRIULI

I generali Carlo Lamanna (a sin) e Flaviano Godio

I generali Carlo Lamanna (a sin) e Flaviano Godio

Si respira aria operativa qui alla «Divisione Friuli», che nonostante il nome è sempre più toscana. Dal 1° ottobre ha incorporato anche la Brigata Paracadutisti Folgore di Livorno, presente in Toscana anche a Siena, Pisa e Pistoia oltre a Grosseto, dove ha sede il Reggimento Savoia Cavalleria 3°. Della stessa Divisione Friuli fanno parte altre tre importanti brigate dell’Esercito: Pozzuolo del Friuli (interamente di cavalleria e attualmente rischierata in Libano nella missione Onu Unifil), la 132ª Brigata Corazzata Ariete e la Brigata Aeromobile Friuli.

Ventotto reggimenti, quindicimila militari. Di questi oltre 2500 sono attualmente impegnati nei teatri operativi all’estero (soprattutto in Libano ma a breve anche in Kosovo) e nell’operazione «Strade sicure» in Italia per il controllo del territorio in ausilio alle forze di polizia. Questa la realtà della Divisione Friuli, braccio operativo dell’Esercito, di cui proprio il generale Godio (che oggi ha ricevuto un encomio per il suo operato) è stato il primo comandante dalla sua ricostituzione a Firenze nel 2013. Il comando della Friuli fu insediato nella caserma Predieri a Rovezzano, già sede del comando europeo Eurofor che terminò il suo mandato nel luglio 2012. L’Esercito, che a Firenze aveva dismesso già numerose caserme come quella storica dei Lupi di Toscana al confine con Scandicci, si tenne stretta la Predieri, su cui in molti avevano già puntato gli occhi anche per la sua ottimale posizione logistica: immediata periferia cittadina, sulle rive dell’Arno, vicinissima ad autostrade e stazioni ferroviarie.

 

CHI È IL GENERALE LAMANNA

Il nuovo comandante, generale Lamanna, 54 anni salernitano, ha iniziato la sua carriera militare nel 1981, frequentando il 163° corso dell’Accademia militare di Modena. Leggi qui il curriculum. Il suo obiettivo? «Limitare il tempo dietro la scrivania, a favore dei momenti da trascorrere nelle unità» ha detto durante il suo intervento Leggi qui il testo completo del discorso di insediamento. E rispondendo a una domanda dei giornalisti: «massima apertura verso Firenze e i Fiorentini». La caserma Predieri e il suo personale lo meritano.

 

FOTOGALLERY

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

Tags:

Sandro Addario

Sandro Addario

Lascia un commento

Logo Osservatore

Osservatore Libero

Oltre la Cronaca. News, report e commenti
Chi siamo

Seguici su:

Collegati

Previsioni Meteo a cura dell’Aeronautica Militare