Pisa, giovane di 25 anni trovato morto in una cava a Vecchiano

Un automezzo Ucl dei Vigili del Fuoco

Un automezzo Ucl dei Vigili del Fuoco

PISA – Un giovane di 25 anni, Luca Baroni, è stato trovato morto domenica 13 novembre a Vecchiano, in provincia di Pisa. Il suo corpo senza vita è stato rinvenuto nei pressi di una cava di sabbia dismessa lungo la strada che porta verso Filettole, tra Pisa e Lucca.

Luca Baroni

Luca Baroni

Le ricerche del giovane, scomparso da casa da alcuni giorni, si erano concentrate stamani 13 novembre nella zona di Vecchiano. Erano intervenuti anche i Vigili del Fuoco di Pisa con da cui coordinare tutte le battute di ricerca dei soccorritori. Era stata prevista anche un’ispezione del fiume Serchio con l’ausilio dei sommozzatori e di un elicottero, nonché una perlustrazione via terra con personale, unità cinofile ed esperti di topografia applicata al soccorso (Tas) che mappano il terreno in base ai risultati delle ricerche.

Sul posto anche un’unità cinofila dei Carabinieri, con «Nettuno» un cane molecolare di razza bloodhound del Centro Cinofili di Castello (Firenze). Lui e il suo conduttore hanno battuto la traccia più probabile per cercare la persona scomparsa. Ad un certo punto il cane si è fermato proprio a poca distanza da dove squadre a piedi hanno poi rinvenuto – intorno alle 9.45 – il cadavere del giovane Luca Baroni. Il riconoscimento ufficiale è avvenuto intorno alle 11,30, alla presenza del magistrato di turno.

La scomparsa, che risale a lunedì 7 novembre. era stata pubblicata anche su «Chi l’ha visto?» mercoledì 9. A quanto si apprende Luca Baroni, 25 anni, studente di Infermieristica, abitava con i genitori a Vecchiano. La mattina del 7 novembre è uscito frettolosamente di casa e non è più tornato. L’auto con cui è scomparso, una Fiat Panda turchese, è stata ritrovata giovedì 10 novembre accanto alla chiesa della località di Avane, nel comune di Vecchiano, grazie alla segnalazione di uno spettatore di Chi l’ha visto. Il cellulare di Luca Baroni, uno smartphone “Microsoft”, ha squillato a vuoto fino a quattro giorni dopo la scomparsa, quando si è spento. La cella agganciata sarebbe stata sempre quella che copre la zona di casa sua.

 

 

Tags: ,

Lascia un commento

Logo Osservatore

Osservatore Libero

Oltre la Cronaca. News, report e commenti
Chi siamo

Seguici su:

Collegati

Previsioni Meteo a cura dell’Aeronautica Militare