Elezioni primarie in Francia: a destra Fillon vince a sorpresa, esce Sarkozy

Da sin François Fillon, Alain Juppé, Nicolas Sarkozy

Da sin François Fillon, Alain Juppé, Nicolas Sarkozy

PARIGI – Cominciata le elezioni primarie in Francia in vista delle presidenziali della primavera 2017. A sorpresa (ma non troppo) l’ex primo ministro François Fillon vince il primo turno delle elezioni primarie per la destra. Alle 23 di domenica 20 novembre (al 90% dei voti scrutinati) Fillon ha oltre il 44%, contro il 28,4% del sindaco di Bordeaux Alain Juppé e il 20,7% dell’ex presidente Nicolas Sarkozy. Hanno votato quasi 4 milioni di elettori francesi, ciascuno dei quali ha pagato 2 euro per esprimere la propria preferenza.

Domenica prossima 27 novembre il secondo turno delle primarie. Si confronteranno Fillon (ora il vero favorito candidato della destra a Presidente della Repubblica, vedi scheda) e Juppé, che fino a poche ore prima del primo turno era dato in vantaggio su tutti, mentre Fillon era solo al terzo posto e ben distaccato.

Sarkozy fuori ma non troppo

La notizia dunque è che Sarkozy, che tanto aveva messo in campo per correre per la terza volta all’Eliseo, è fuori gioco. Ha anzi già annunciato che voterà per Fillon e che si occuperà della sua vita privata. C’è da crederci? Non è detto.

Secondo alcuni osservatori non sfugge che Sarkozy, potente capo di «Les Républicains» partito di ispirazione neo gollista, potrebbe da ultimo (o forse già da tempo) aver deciso di far spostare parte dei suoi suffragi verso il suo ex primo ministro Fillon, appartenente al suo stesso partito. In uno scontro diretto con Juppé, Sarkozy si è reso conto che avrebbe perso. Sarebbe stata la rovina personale e per il suo partito. Con Fillon in corsa, Sarko sa bene di avere più opportunità per restare in quello che i Francesi chiamano il «microcosme», il microcosmo del potere. Indirettamente lo dice lo stesso Sarkozy: «Il mio unico obiettivo – ha detto ai giornalisti dopo la sconfitta – è che il candidato che avrete scelto guadagni l’elezione presidenziale. Vi prego di crederlo». Anche se dopo sfuma con un «è ora tempo di affrontare una vita con più passioni private e meno passioni pubbliche».

22 – 29 gennaio 2017 le primarie della sinistra

Se il candidato all’Eliseo per la destra uscirà definitivamente il 29 novembre, per la sinistra bisognerà attendere il 22 e il 29 gennaio 2017. Una sinistra dove ancora il presidente uscente François Hollande non ha ancora deciso se gli converrà ripresentarsi o meno. Una sinistra che, al momento, non parte favorita per vincere le presidenziali che si svolgeranno il 23 aprile e il 7 maggio 2017.

23 aprile – 7 maggio 2017 le elezioni presidenziali

marine-le-pen-3

Marine Le Pen

Sullo sfondo la corsa solitaria del Front National di Marine Le Pen, che molti osservatori vedono già al ballottaggio del 7 maggio. Contro chi? Probabilmente proprio contro François Fillon, la cui maggior preoccupazione sarà cercare di superare a destra la stessa Le Pen. Ma al tempo stesso, per conquistare l’Eliseo, non potrà fare a meno dei voti della sinistra (nel caso questa sia sconfitta al 1° turno) per sbarrare la strada alla Le Pen. Come farà Fillon a convincere, con gli stessi argomenti, elettori di destra e sinistra è un vero problema. Più difficile che aver vinto (a sorpresa ma non troppo) le primarie di oggi 21 novembre.

 

 

Tags:

Sandro Addario

Sandro Addario

Lascia un commento

Logo Osservatore

Osservatore Libero

Oltre la Cronaca. News, report e commenti
Chi siamo

Seguici su:

Collegati

Previsioni Meteo a cura dell’Aeronautica Militare