Fuga di gas a Firenze, palazzi evacuati nella zona di piazza Puccini

Vigili del Fuoco in piazza Puccini deserta

Vigili del Fuoco in piazza Puccini deserta

FIRENZE – Quattro palazzi sono stati evacuati per una fuga di gas a Firenze. È successo sabato 26 novembre poco dopo le 22.30 nella zona tra piazza Puccini e via Baracca, dove si è diffuso un forte odore  di gas. Tutto è partito – a quanto riferisce la Sala della Protezione Civile – da una perdita di gas da un tubo di media pressione all’altezza del numero civico 2 di via Baracca. In quell’area erano in corso lavori di manutenzione da parte della stessa Toscana Energia.

Decine le persone sfollate a titolo precauzionale. Molte in strada in attesa degli sviluppi della situazione. Sono stati messi a disposizione i locali della Protezione Civile all’Olmatello, dove vengono accolti i primi sfollati, in particolare persone anziane.

Tutta la zona compresa tra piazza Puccini, via Baracca, via Villa Demidoff e via Paganini è stata temporaneamente chiusa al traffico. Numerosi autoveicoli vengono rimossi con carri attrezzi fatti arrivare dai Vigili urbani.

Sul posto pattuglie di Polizia Municipale, Carabinieri, Polizia di Stato, ambulanze del 118. In azione Vigili del Fuoco, con gli specialisti Nbcr (Nucleare, biologico, chimico radioattivo) e personale di Toscana Energia per individuare la perdita e isolare la condotta. In alcuni edifici la corrente elettrica è stata tolta. Arrivati anche la vice sindaco Cristina Giachi e l’assessore all’Ambiente del Comune di Firenze Alessia Bettini.

Ore 00.15 del 27 nov 2016: non accenna a diminuire per ora la perdita di gas. A quanto si apprende la fuoriuscita, che in un primo momento sembrava in fase di contenimento, avrebbe ripreso forza. La zona iniziale di via Baracca, da piazza Puccini, rimane interdetta al traffico e ai pedoni.

AGGIORNAMENTO ore 10 del 27 nov 2016

POTEVA ESSERE UNA STRAGE

Poteva essere una strage. Il rischio è stato grande, ma per fortuna i danni sono stati limitati. A parte naturalmente il disagio per decine di famiglie. Secondo quanto si è appreso tutto è successo durante lavori di scavo di notte (intorno alle 22) per rintracciare e bloccare una piccola perdita di gas segnalata alla Toscana Energia. Sembra che, durante i lavori, una scavatrice abbia incidentalmente «agganciato» una condotta di medie dimensioni provocando una forte fuoriuscita di gas. Talmente forte che era percepibile non solo per l’odore ma anche con il rumore, che il flusso di gas ha provocato. Quasi un torrente in piena.

Fino a tarda notte i Vigili del Fuoco ed i tecnici di Toscana Energia hanno lavorato per isolare la fuoriuscita. Per alcune ore l’Enel ha interrotto anche l’energia elettrica nella zona, perché il gas non raggiungesse le condutture da 132 mila volt.

I residenti della zona di piazza Puccini sono rientrati nelle loro case intorno alle 7 di oggi domenica 27 novembre. Secondo quanto riferisce il Comune di Firenze, le strade chiuse precauzionalmente sono state riaperte intorno alle 8. In particolare, spiega ancora Palazzo Vecchio, sono stati riaccompagnati nelle loro abitazioni «24 cittadini che erano stati alloggiati sia nelle strutture della protezione civile di via dell’Olmatello che in quelle della Fratellanza Popolare di Peretola».

 

LE PRIME FOTO

unknown-7

 

unknown-10

unknown-12

unknown-13

 

 

Tags: ,

Sandro Addario

Sandro Addario

Lascia un commento

Logo Osservatore

Osservatore Libero

Oltre la Cronaca. News, report e commenti
Chi siamo

Seguici su:

Collegati

Previsioni Meteo a cura dell’Aeronautica Militare