Francia 2017: Fillon da destra a caccia di elettori del Front National

Sarà François Fillon il nuovo presidente della Repubblica francese ?

Sarà François Fillon il nuovo presidente della Repubblica francese ?

PARIGI – L’ex primo ministro francese François Fillon ha vinto il ballottaggio nelle elezioni primarie della destra e del centro. Sarà lui il candidato della sua formazione alle prossime elezioni presidenziali che si svolgeranno in Francia il 23 aprile al primo turno e il 7 maggio 2017 per il ballottaggio. Fillon ha battuto il sindaco di Bordeaux Alain Juppé con oltre il 66% dei voti. Entrambi appartengono allo stesso partito, Les Républicains, di cui fa parte anche l’ex presidente Nicholas Sarkozy, uscito sconfitto al primo turno delle primarie domenica 20 novembre.

Juppé era stato dato per favorito alla vigilia delle primarie, con Sarkozy al secondo posto sempre più distaccato. Poi la sorpresa del primo turno, dove inaspettatamente Fillon (partito terzo con un 20% nei sondaggi) aveva raggiunto il primo posto con il 44%, lasciando Juppé al 28% e Sarkozy al 20%. Non era mancato chi aveva visto questo inatteso risultato come una «manovra» dello stesso Sarko, che in difficoltà e pur di non far vincere il suo diretto avversario Juppé avrebbe favorito l’affermazione del «suo» ex primo ministro.

La netta vittoria oggi di quest’ultimo, che lo consacra definitivamente allo corsa all’Eliseo, è stata ammessa dallo stesso Juppé che ha dichiarato di «mettersi ora al lavoro per Fillon».

Intanto la sinistra socialista del presidente François Hollande non ha ancora scelto il proprio candidato e ha rimandato tutto alle primarie della «gauche» che si terranno il 22-29 gennaio.

Al momento sembra che le presidenziali francesi del 23 aprile saranno una gara diretta tra la destra di Fillon e il Front National di Marine Le Pen. Quest’ultima, alla notizia della vittoria di Fillon alle primarie del suo schieramento, ha già dichiarato su Twitter che, quando è stato al potere come primo ministro, «Fillon è stato incapace di lottare contro l’islamismo e di ristabilire la sicurezza». Due dei temi più vicini all’elettorato francese e su cui si giocherà la «caccia» all’ultimo voto dal centro all’estrema destra. Con gli elettori della sinistra incerti, nel caso di un ballottaggio Fillon-Le Pen, se disertare le urne o appoggiare Fillon pur di sbarrare la strada alla Le Pen.

Successe così nel 2002 quando il padre Jean Marie Le Pen, fondatore del Fn (da cui fu poi espulso nel 2015) perse il ballottaggio per l’Eliseo, sconfitto dal neo gollista Jacques Chirac, che ottenne ben l’82% dei voti. Ma i tempi sono cambiati. Fillon (e il suo sponsor Sarkozy) non sono Chirac. Marine Le Pen, da parte sua, del padre sembra portare solo il cognome. E non è escluso che sappia prendere voti anche nella sinistra più «sociale». Sarà dunque l’elettorato di sinistra a decidere, con l’astensione o il voto, chi sarà il nuovo presidente francese successore di François Hollande.

La campagna elettorale è comunque solo agli inizi. I colpi di scena non mancheranno. Le elezioni americane insegnano.

 

ARTICOLO PRECEDENTE

20 nov 2016

Elezioni primarie in Francia: a destra Fillon vince a sorpresa, esce Sarkozy

 

Tags: ,

Lascia un commento

Logo Osservatore

Osservatore Libero

Oltre la Cronaca. News, report e commenti
Chi siamo

Seguici su:

Collegati

Previsioni Meteo a cura dell’Aeronautica Militare