Firenze: torna al Comune la caserma Carabinieri di piazza Stazione

nardella-del-sette-2

Il generale Tullio Del Sette e il sindaco Dario Nardella

FIRENZE – Riconsegnati definitivamente alla città di Firenze gli spazi della caserma Mameli, lo storico edificio di piazza Stazione che dal 1920 ha ospitato la Scuola Sottufficiali (ora Scuola Marescialli) dei Carabinieri. A settembre 2016 tutto l’istituto di formazione si è trasferito nella nuova caserma Felice Maritano a Castello. È di oggi 6 dicembre la firma di un protocollo siglato dal sindaco Dario Nardella e dal Comandante Generale dell’Arma Tullio Del Sette, che riconsegna alla città tutta l’area storica di pertinenza della Basilica di Santa Maria Novella e gran parte dell’edificio che si affaccia su piazza della Stazione e su via della Scala.

Alla cerimonia della firma erano presenti numerose autorità cittadine guidate dal prefetto Alessio Giuffrida. Tra queste il presidente del Consiglio Regionale Eugenio Giani, la presidente della Corte d’Appello Margherita Cassano, il procuratore generale Marcello Viola, il procuratore capo Giuseppe Creazzo, il questore Alberto Intini. Per l’Arma dei Carabinieri, con il comandante generale Del Sette, c’erano tra gli altri il generale Aldo Visone, (già comandante della Scuola Marescialli fino all’ottobre 2016 e ora comandante delle Scuole dell’Arma) e il generale Gianfranco Cavallo nuovo comandante della Scuola che si è appena trasferita a Castello.

Il generale Tullio Del Sette e il sindaco Dario Nardella

La firma del protocollo tra Carabinieri e Comune di Firenze

A disposizione dell’Arma resteranno in piazza della Stazione circa 2000 metri quadri dei quasi 23000 originari della caserma Mameli.  Saranno utilizzati come foresteria e per una nuova stazione dei Carabinieri. Sarà un nuovo presidio di polizia in uno dei punti «caldi» della città, come è la zona tra via della Scala e la stazione ferroviaria di Santa Maria Novella.

«Obiettivo dell’amministrazione è quello di ampliare gli spazi del museo di Santa Maria Novella – si legge in una nota del comune – e contemporaneamente fare dei nuovi locali anche un centro per la promozione della cultura scientifica e dell’innovazione tecnologica».

Vuoi saperne di più?

Scarica qui tutto il progetto del Comune di Firenze per «Il Grande Museo di Santa Maria Novella»

 

ARTICOLO PRECEDENTE

22 set 2016

Firenze, l’ex Scuola Marescialli diventa museo ma i Carabinieri restano

 

 

Tags: ,

Sandro Addario

Sandro Addario

Lascia un commento

Logo Osservatore

Osservatore Libero

Oltre la Cronaca. News, report e commenti
Chi siamo

Seguici su:

Collegati

Previsioni Meteo a cura dell’Aeronautica Militare