Carabinieri, Spoto lascia il comando del Reparto Operativo di Firenze

Il colonnello De Liso (a destra) saluta il tenente colonnello Spoto che lascia Firenze

Il colonnello De Liso (a destra) saluta il tenente colonnello Spoto che lascia Firenze

FIRENZE – Cambia il comandante del Reparto Operativo dei Carabinieri di Firenze. Dopo due anni il tenente colonnello Agatino Saverio Spoto, 43 anni, lascia l’incarico che aveva assunto nel luglio 2015. È stato chiamato al Comando Generale di Roma a dirigere l’Ufficio Relazioni con il Pubblico, uno dei tre settori (insieme a Cerimoniale e Stampa) del 5° Reparto «Relazioni esterne e comunicazione».

A sostituire Spoto arriverà, da lunedì 30 ottobre, il tenente colonnello Carmine Rosciano, 40 anni. Un ufficiale che conosce bene la realtà fiorentina per aver comandato per tre anni il Nucleo Investigativo del Comando Provinciale, alle dipendenze per un anno dello stesso colonnello Spoto

In un saluto con i giornalisti (a livello provinciale dal Reparto Operativo dipende anche la gestione dei rapporti con la stampa) Spoto ha ringraziato per la collaborazione che, pur nei rispettivi ruoli, ha ricevuto durante il suo periodo di permanenza presso il Comando di Borgognissanti. Parole di apprezzamento per il lavoro svolto sono state espresse dal colonnello Giuseppe De Liso, comandante provinciale, che ha avuto in Spoto uno dei suoi più stretti collaboratori. Quest’ultimo – ha sottolineato De Liso – ora va a ricoprire, già da tenente colonnello, un importante ruolo nell’organizzazione centrale dell’Arma affidato di norma a un colonnello a tre stelle.

Cos’è il Reparto operativo? Nell’ambito di un comando provinciale dell’Arma è il settore che si occupa delle indagini di maggior rilievo, che possono interessare anche più Compagnie dello stesso comando provinciale o che sono estese anche ad ambiti più vasti di quello provinciale. Fino a quello nazionale e internazionale. Comandato di norma da un tenente colonnello o da un maggiore, al Reparto operativo fanno capo la centrale operativa provinciale del 112 e tre nuclei: investigativo, informativo e radiomobile retti da un capitano o da un maggiore. Equivale, nella Polizia di Stato, alla Squadra Mobile di una Questura.

 

 

 

Tags:

Sandro Addario

Sandro Addario

Lascia un commento

Logo Osservatore

Osservatore Libero

Oltre la Cronaca. News, report e commenti
Chi siamo

Seguici su:

Collegati

Previsioni Meteo a cura dell’Aeronautica Militare