Parla l’andrologo: «È un errore il Viagra senza ricetta nel Regno Unito»

Viagra senza ricetta nelle farmacie inglesi

Viagra senza ricetta nelle farmacie inglesi

FIRENZE – Il Viagra sarà venduto nelle farmacie del Regno Unito senza ricetta dalla primavera 2018. La notizia che circola sul web da qualche giorno fa discutere e trova in disaccordo il mondo dell’andrologia. La riclassificazione della pillola blu in Otc («over the counter» ovvero farmaco da banco) è stata decisa dalla Mrha, l’Agenzia inglese regolatrice dei farmaci con una nota del 28 novembre. L’obiettivo dichiarato è quello di contrastare il mercato illegale del farmaco contro la disfunzione erettile, specie su Internet, dove si vendono a basso prezzo prodotti contraffatti e senza licenza.

IL DIFFICILE CONTROLLO DEL FARMACISTA

«Il Viagra va dato solo su prescrizione e sotto il controllo medico» ha dichiarato all’Ansa senza mezzi termini Alessandro Palmieri, presidente della Società Italiana di Andrologia. Che poi aggiunge: «Ci sono delle controindicazioni che sono limitate ma vanno vagliate. Il farmacista non può avere gli strumenti per dire, ad esempio, se il paziente sta assumendo nitrati».

Il riferimento è all’indicazione della Mrha, secondo la quale i farmacisti inglesi dovrebbero – prima di vendere il Viagra senza ricetta – intavolare un «colloquio» con il cliente sul suo stato di salute, stabilendo loro stessi se il trattamento richiesto è appropriato o meno. Tempo a disposizione a parte per questo «consulto medico da banco», non è difficile ipotizzare lo scatenarsi di una concorrenza impossibile tra una farmacia e l’altra, pur di non mandare via un cliente a mani vuote. A meno che non sia il paziente stesso a dichiarare di avere problemi cardiovascolari gravi, nel qual caso la vendita del Viagra non può avvenire.

RIMEDI ALLA DISFUNZIONE ERETTILE

Ma il problema resta medico. «Con la vendita del Viagra come prodotto da banco, si rischia molto sia dal punto di vista della salute che da quello terapeutico» dice l’andrologo Pier Andrea della Camera dell’Azienda Ospedaliero Universitaria di Careggi a Firenze. Ma non solo. «Il problema di erezione non può essere legato alla sola assunzione della pasticca. Ci possono essere problemi ormonali di base, patologie peniene che il farmacista non può essere in grado di valutare. Senza contare che la terapia del disturbo di erezione su base vascolare con il Viagra oggi appare anche superata da molte altre metodiche disponibili, che possono arrivare anche a slegare il paziente dalla stretta correlazione tra assunzione della pillola e rapporto sessuale».

Nel solo Regno Unito, scrive il quotidiano inglese The Guardian, le prescrizioni (mediche) del Viagra e di altri farmaci contro la disfunzione erettile a base di Sildenafil sono triplicate in 10 anni. Nel 2006 erano circa 1 milione per arrivare a 2,9 milioni nel 2016. Ma il mercato nero va avanti e non solo oltre Manica.

 

 

 

 

 

 

Tags: ,

Sandro Addario

Sandro Addario

Lascia un commento

Logo Osservatore

Osservatore Libero

Oltre la Cronaca. News, report e commenti
Chi siamo

Seguici su:

Collegati

Previsioni Meteo a cura dell’Aeronautica Militare