Del Sette a Firenze: cosa cambierà alla Scuola Marescialli e alla caserma Baldissera

Il generale Tullio Del Sette al suo arrivo alla caserma Baldissera

Il generale Tullio Del Sette al suo arrivo alla caserma Baldissera

FIRENZE – Ultima visita a Firenze da comandante generale dei Carabinieri quella del generale Tullio Del Sette che si è svolta nella mattinata di sabato 13 gennaio. Martedì prossimo 16 gennaio, Del Sette – al termine del suo mandato triennale – passerà le consegne al suo successore, il generale Giovanni Nistri, nella cerimonia presso la Legione Allievi Carabinieri a Roma davanti ai vertici della Difesa e delle massime istituzioni civili e militari. Nel corso della loro carriera Del Sette e Nistri hanno lavorato fianco a fianco proprio a Firenze, dove il primo è stato comandante della Regione Carabinieri Toscana dal luglio 2002 all’agosto 2004. In quel periodo, a partire dall’aprile 2003 l’allora colonnello Nistri è stato alle sue dirette dipendenze nel ruolo di comandante provinciale di Firenze.

Stamani il generale Del Sette, che nel corso della sua carriera è venuto molto spesso a Firenze sia da vicecomandante che da comandante generale dell’Arma, si è incontrato con i carabinieri della Scuola Marescialli, della Legione Toscana e del Comando Regionale Forestale. «Non solo un saluto ma soprattutto un ringraziamento per quello che tutti i carabinieri fanno ogni giorno, in silenzio e continuità, e un invito a fare sempre meglio» ha commentato lo stesso Del Sette, raggiunto da OsservatoreLibero.it al termine della sua tappa fiorentina.

SCUOLA MARESCIALLI

Generale Tullio Del Sette

Generale Tullio Del Sette

«Ho esaminato con i rispettivi Comandanti – ci ha detto Del Sette – i piani infrastrutturali e i lavori che riguardano le principali strutture dell’Arma a Firenze. In particolare la realizzazione del poligono di tiro, che dovrebbe essere ultimato entro ottobre 2018 presso la Caserma Maritano, sede della Scuola Marescialli a Firenze Castello. Sono inoltre in corso di progettazione due nuove palazzine allievi che aumenteranno la capienza della Scuola per poter ospitare, entro il 2020, fino a 2500 allievi.

Il cronoprogramma dei lavori alla Scuola Marescialli – Del Sette la chiama l’ «Accademia» dei Marescialli del corso triennale – prevede anche la realizzazione di un’aula polifunzionale da circa 2500 posti, una vera e propria «aula magna» indispensabile in un istituto di formazione di quel livello.

Con il generale Luigi Longobardi, comandante delle Scuole dell’Arma e accolto dal generale Gianfranco Cavallo comandante della Scuola, Del Sette ha fatto il punto sui lavori e sui programmi. Previsto anche un polo sportivo, destinato non solo all’addestramento dei militari ma, in futuro, anche aperto alla cittadinanza. L’intervento, già finanziato per due terzi dal Cipe per circa 10 milioni di euro, comprenderà una piscina e due palestre che saranno aperte entro il 2020. In programma anche il completamento di un campo sportivo che potrà essere operante, non appena verrà realizzata una sottostante «vasca di laminazione» per permettere il contenimento e lo smaltimento delle acque in eccesso da pioggia o esondazioni. In prossimità del campo sportivo dovrebbe essere realizzato, in area comunale, un parcheggio da circa 2500 posti auto.

Si lavora anche per la realizzazione, all’interno della stessa Caserma Maritano, di un piccolo centro commerciale destinato principalmente a servire le oltre 100 famiglie di militari dell’Arma che abitano in quella che è ormai una vera e propria cittadella alla periferia di Firenze.

Il generale Del Sette durante il sopralluogo ai lavori presso la Scuola Marescialli

Il generale Del Sette durante il sopralluogo ai lavori presso la Scuola Marescialli

 

Del Sette sul cantiere del polo sportivo della Scuola. Da sinistra i generali Minicucci, Cavallo e Longobardi

Del Sette sul cantiere del polo sportivo della Scuola. Da sinistra i generali Minicucci, Cavallo e Longobardi

NUOVA STAZIONE FERROVIARIA

Sul piano della viabilità, al generale Del Sette sono state riferite varie iniziative già attuate e in corso di programmazione. Dalla linea di autobus urbana 23 che già arriva alla Scuola Marescialli (i bus Ataf di quella linea portano già la destinazione «Nuova Scuola Carabinieri») alla futura fermata della tramvia diretta all’aeroporto Vespucci. Ma anche – conferma lo stesso Del Sette – «è allo studio da parte delle Ferrovie e della Regione Toscana la riapertura di una piccola stazione sulla linea Firenze-Empoli-Pisa, proprio in prossimità della Scuola Marescialli Carabinieri, collegata rapidamente con le stazioni di Firenze Santa Maria Novella e Firenze Rifredi».

NOVITÀ ALLA CASERMA BALDISSERA

Alla caserma Baldissera sul Lungarno Pecori Giraldi, dove è stato comandante per due anni, Del Sette è stato accolto dal generale Nicola Massimo Masciulli, neo comandante della Legione Carabinieri Toscana e ha passato in rassegna un picchetto di militari del 6° Battaglione Toscana, che ha sede nella stessa caserma ed è comandato dal tenente colonnello Alessandro Parisi.

BnLe novità strutturali della Baldissera, di cui Del Sette è stato aggiornato nella sua visita odierna, riguardano proprio il 6° Battaglione Toscana. Questa unità, che gerarchicamente fa capo alla 1ª Brigata Mobile di Roma, avrà maggiori locali a disposizione, resi liberi dopo il recente trasferimento a Castello del personale della Scuola Marescialli, un tempo diviso tra l’ex caserma Mameli di piazza della Stazione e la stessa Baldissera. Ma nell’area di quest’ultima sono in arrivo anche strutture del comando provinciale di Firenze: dall’anticrimine (attualmente presso la caserma di Borgognissanti) al Nucleo radiomobile di Firenze, ora «stretto» nella storica caserma Tassi di via dei Pilastri. Nel futuro della Tassi, che durante Firenze Capitale fu anche sede del Comando Generale dell’Arma, c’è con tutta probabilità l’insediamento di un «comando di prestigio» a livello nazionale.

La decisione verrà presa durante il mandato del prossimo comandante generale Nistri, che conosce benissimo la Tassi per essere stato comandante della Legione Toscana dal 2010 al 2012. Da tempo circolano voci sull’ipotesi di trasferire a Firenze nuovi comandi da fuori. Tutte soluzioni da verificare. Firenze ne otterrebbe comunque un beneficio, con un aumento di militari presenti in città con le loro famiglie.

CON I FORESTALI A VILLA LA FAVORITA

Prima visita di un Comandante Generale dei Carabinieri a Villa La Favorita, sede del Comando Regionale Forestali Toscana. Del Sette è stato accolto dal colonnello Maurizio Folliero, comandante regionale e dai comandanti di Gruppo di tutta la Toscana. L’incontro è servito a fare il punto dell’integrazione tra Arma dei Carabinieri ed ex Corpo Forestale dello Stato, a un anno esatto dal loro accorpamento avvenuto il 1 gennaio 2017. Soddisfazione anche per la recente convenzione firmata a Roma tra l’Arma e l’Accademia di Stato di Scienze Forestali, il cui presidente Orazio Ciancio era oggi presente all’incontro con il generale Del Sette.

 

FOTOGALLERY IN AGGIORNAMENTO

 

TI POTREBBE INTERESSARE 

22 dic 2017

Chi è Giovanni Nistri, nuovo comandante generale dei Carabinieri

 

Tags: ,

Sandro Addario

Sandro Addario

Lascia un commento

Logo Osservatore

Osservatore Libero

Oltre la Cronaca. News, report e commenti
Chi siamo

Seguici su:

Collegati

Privacy Policy

Previsioni Meteo a cura dell’Aeronautica Militare