Inner Wheel: premiata Nicoletta Tinti la danzatrice paraplegica che sfida il destino

Nicoletta Tinti premiata dall'Inner Wheel International

Nicoletta Tinti premiata dall’Inner Wheel International

FIRENZE – A un certo punto della vita Nicoletta Tinti e il suo destino si sono guardati in faccia. «Peggio per te» gli ha detto lei, ex atleta olimpionica di ginnastica ritmica poco dopo essere rimasta paraplegica a causa di una tremenda ernia discale. Da allora la rivincita verso il destino non ha avuto soste. Oggi Nicoletta, 38 anni di Arezzo, non svolge solo la sua professione di ingegnere ma si dedica alla danza, lo sci e il tennis. Sulla sedia a rotelle naturalmente, a dispetto del destino e a prezzo di disciplina e allenamenti durissimi.

LA CERIMONIA A FIRENZE

Il coraggio e la tenacia di Nicoletta Tinti sono state premiate dall’International Inner Wheel di Firenze, presieduto da Laura Boncompagni Ludovisi, in occasione della 22ª edizione del «Premio Donna Inner Wheel Toscana» curato da Elisabeth Bucher Paoletti. Un evento che si è svolto a Firenze giovedì 25 gennaio, nella cornice di Villa Viviani, al quale ha portato il suo saluto anche il presidente del Consiglio Regionale della Toscana Eugenio Giani. Tra i presenti Alessandra Colcelli Gasperini, past president nazionale di Inner Wheel Italia, che riunisce i 6 distretti italiani dell’associazione mondiale di servizio e volontariato femminile International Inner Wheel, presente in 103 paesi con 100mila socie e 3895 club.

Ad accompagnare Nicoletta Tinti a Firenze, c’erano Elisa Bonifazi Failli, presidente Inner del club Arezzo Carf e Silvia Bertoluzza, che con Nicoletta condivide la passione per la danza tanto da operare insieme nella compagnia «InOltre», che hanno fondato insieme da tre anni e che si esibisce in numerosi spettacoli in Italia. Il prossimo è atteso per sabato 10 Febbraio 2018 a Germignaga (Varese) sulle sponde del Lago Maggiore.

SCOMMESSA VINCENTE

«Un’emozione tutta particolare è ricevere un premio da Inner Wheel – dice Nicoletta Tinti – non solo perché prestigioso ma anche perché del tutto inatteso e per la prima volta a Firenze». «La mia vita? Dedicata in buona parte alla mia professione di ingegnere, ma con lo stesso impegno alle attività artistiche come danzatrice». Ma c’è tempo anche per lo sci. «Una vecchia passione mai tramontata. Quando la danza mi lascia tempo, mi unisco ai miei amici «freerider» (www.monosci.it) lungo le piste di ogni tipo. Sulle nere per prudenza vado un po’ più piano ma non le considero proibitive».

Un consiglio e un incoraggiamento per chi pensa che la vita finisca su una sedia a rotelle? «Non soffermarsi sui propri limiti, ma continuare a lavorare sul potenziale che ognuno di noi ha comunque. Spesso è anche una scoperta. Si scopre di essere in grado di fare cose finora impensabili. E la soddisfazione a questo punto è ancora maggiore».

Cronologia del Premio Donna Inner Wheel Toscana

Il Premio Donna Inner Wheel Toscana – si legge in una nota – istituito nel 1997 è una manifestazione che mette in luce le eccellenze femminili della Toscana che si sono distinte nel mondo culturale, artistico, letterario e scientifico, nella ricerca, nelle professioni, nelle imprese e nello sport. Questi la cronologia dei premi

  • 1997 – Ghita Vogel per l’impegno nel recupero degli ex detenuti
  • 1998 – Dacia Maraini, scrittrice
  • 1999 – Zaira Conti per la lotta alla droga
  • 2000 – Andreina Sodi, medico chirurgo e scrittrice
  • 2001 – Anna Maria Maetze, sovrintendente Belle Arti di Arezzo
  • 2002 – Franca Caporali Vaglio, tenente Corpo Militare Cri
  • 2003 – Vincenzina Bruni, medico chirurgo ginecologa
  • 2004 – Pinuccia Musumeci, fondatrice «Io sempre donna»
  • 2005 – Elena Salvini Pierallini, artista del ricamo
  • 2006 – Maria Tipo, pianista
  • 2007 – Cinzia TH Torrini, regista cinematografica
  • 2008 – Luisa Brandi, medico chirurgo endocrinologo
  • 2009 – Doris Hajistilianou, medico oculista
  • 2010 – Ilaria Occhini, attrice
  • 2011 – Gaia Checcucci, Autorità di bacino del fiume Arno
  • 2012 – Alice Brunacci, olimpionica kiteboarding
  • 2013 – Donatella Cinelli Colombini, imprenditrice della prima cantina vinicola al femminile
  • 2014 – Teresita Mazzei, medico oncologo
  • 2015 – Antonietta Fiorillo. Magistrato
  • 2016 – Barbara Bertocci, imprenditrice
  • 2017 – Claudia Manfredi, ricercatrice
  • 2018 – Nicoletta Tinti, ingegnere, atleta paraplegica e danzatrice

 

da sin. Elisa Bonifazi Failli, Silvia Bertoluzza, Nicoletta Tinti, Laura Boncompagni Lodovisi, Elisabeth Bucher Paoletti

da sin. Elisa Bonifazi Failli, Silvia Bertoluzza, Nicoletta Tinti, Laura Boncompagni Lodovisi, Elisabeth Bucher Paoletti al Premio Donna Inner Wheel Toscana 2018

 

 

Tags:

Sandro Addario

Sandro Addario

Lascia un commento

Logo Osservatore

Osservatore Libero

Oltre la Cronaca. News, report e commenti
Chi siamo

Seguici su:

Collegati

Previsioni Meteo a cura dell’Aeronautica Militare