Firenze 2018, tornano le Frecce Tricolori per la festa dell’ Aeronautica

Le Frecce Tricolori sopra Firenze nel 2008 per gli 85 anni dell' Aeronautica

Le Frecce Tricolori sopra Firenze nel 2008 per gli 85 anni dell’ Aeronautica (foto Aeronautica Militare)

FIRENZE – Tornano le Frecce Tricolori sul cielo di Firenze per festeggiare il 95° anniversario dell’ Aeronautica Militare. L’appuntamento è per mercoledì 28 marzo, intorno alle 12,30, davanti al piazzale Michelangelo e sui lungarni. Sarà il momento culminante della cerimonia nella quale si celebrano pure gli 80 anni della presenza dell’Aeronautica a Firenze. Ma anche il giorno del giuramento dei 41 giovanissimi allievi del 1° anno della Scuola Militare Aeronautica Giulio Douhet. Con un’anteprima culturale: un concerto gratuito della Banda dell’ Aeronautica al Teatro della Pergola e una mostra storico fotografica a Palazzo Medici Riccardi.

Ottanta anni fa, era il 28 marzo 1938, fu inaugurata nel parco delle Cascine l’allora Scuola di Applicazione della Regia Aeronautica, divenuta poi Scuola di Guerra Aerea. È il nome con cui tutti i fiorentini la ricordano e che dal 2001 divenne Istituto di Scienze Militari Aeronautiche (Isma). Una struttura architettonica di eccellenza (qui la sua storia) che dal 1988 è monumento nazionale. Un riconoscimento avvenuto nel 50° della sua inaugurazione, alla presenza dell’allora ministro della Difesa Giovanni Spadolini.

LA QUARTA VOLTA DELLE FRECCE TRICOLORI

Per le Frecce Tricolori sarà la quarta volta che sorvoleranno il cielo di Firenze con le loro suggestive scie bianca, rosse e verdi. La prima fu nel luglio 1976 all’aeroporto di Peretola, in occasione della Settimana Aviatoria Fiorentina, promossa dall’Aeroclub Luigi Gori. La seconda avvenne per il Cinquantenario dell’Aeronautica Militare nel marzo 1988. Il terzo «passaggio» della Pattuglia Acrobatica Nazionale sull’Arno fiorentino è del marzo 2008, davanti al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano per gli 85 anni dell’Arma Azzurra.

 

La prima volta delle Frecce Tricolori a Firenze sull'aeroporto di Peretola nel 1976

La prima volta delle Frecce Tricolori a Firenze sull’aeroporto di Peretola nel 1976

METEO SOTTO OSSERVAZIONE

Se il meteo lo permetterà, questa del prossimo 28 marzo sarà dunque la quarta volta che i fiorentini potranno ammirare le Frecce Tricolori. Il rischio maggiore non sono il vento o la pioggia, ma la copertura nuvolosa, dal momento che i velivoli della pattuglia acrobatica devono mantenere una «quota di sicurezza» specie sorvolando la città. Con nuvole basse c’è la possibilità di volare ma di non essere visti. Una delusione che tutti scongiurano. Ma come si sa, le previsioni meteo più attendibili si cominciano a fare non prima di 48 ore dall’ora X. Non resta che attendere e sperare.

VIP PRESENTI E ASSENTI

Tutto è pronto per il programma della manifestazione. La sola incertezza è la presenza dei vertici dello Stato. Lo si saprà solo a poche ore di distanza. Una gioia per gli addetti al cerimoniale dei vari enti coinvolti. È prassi che alla celebrazione dell’anniversario di una forza armata intervenga il Presidente della Repubblica. Questa volta però l’agenda di Sergio Mattarella potrebbe essere riempita dalle consultazioni per la formazione del governo. Tanto da non potersi neppure «assentare» 3-4 ore, il tempo necessario per decollare in elicottero dal Quirinale, presenziare alla cerimonia fiorentina al piazzale Michelangelo e far subito rientro a Roma.

Stessa incertezza per ora anche sulla partecipazione del Presidente del Consiglio (il 28 marzo sarà certamente ancora Paolo Gentiloni), che pur negli ultimi mesi non ha mancato di essere presente a significative cerimonie militari: dalla Festa del Tricolore il 7 gennaio a Reggio Emilia, al cambio del Comandante Generale dei Carabinieri a Roma il 16 gennaio, all’inaugurazione dell’Anno Accademico della Scuola Ufficiali Carabinieri a Roma il 14 febbraio.

Data per sicura invece (salvo imprevisti) la presenza di Roberta Pinotti, ministro della Difesa in carica, che sarà accompagnata dal capo di Stato Maggiore della Difesa Claudio Graziano e da quello dell’Aeronautica Enzo Vecciarelli. Scontata la presenza a Firenze, dei vertici di Esercito, Marina, Carabinieri e Guardia di Finanza. Gli onori alle autorità saranno resi da un reparto di formazione in armi schierato sul piazzale Michelangelo, agli ordini del generale di divisione aerea Stefano Fort comandante dell’Isma, accompagnati dalle note della Banda dell’Aeronautica.

IL PROGRAMMA

Sono tre le iniziative aperte alla cittadinanza per celebrare il «compleanno» dell’ Aeronautica

martedi 27 marzo: alle 17 si inaugura presso la Galleria delle Carrozze a Palazzo Medici Riccardi (via Cavour 5 Firenze) una mostra storico fotografica sulla presenza dell’Aeronautica a Firenze e sulle attività dell’Arma azzurra al servizio della collettività, in Italia e all’estero. Resterà aperta fino al 24 giugno

martedi 27 marzo: alle 21 presso il Teatro della Pergola, concerto della Banda dell’Aeronautica Militare diretta dal colonnello maestro Patrizio Esposito. Partecipano la soprano Claudia Toti Lombardozzi e il tenore Francesco Grollo. Partecipazione gratuita aperta alla cittadinanza. Per prenotazioni e ritiro biglietti telefonare allo 055.2704317

mercoledì 28 marzo: alle 11,30 al Piazzale Michelangelo, solenne cerimonia del 95° dell’Aeronautica e 80° dell’Isma di Firenze. Giuramento degli allievi della Scuola Douhet. Sorvolo delle Frecce Tricolori (intorno alle 12,30).

SCUOLA DOUHET: GIURA IL CORSO OMEGA

Sarà il piazzale Michelangelo la cornice del tutto particolare quest’anno per il giuramento di fedeltà alla Repubblica da parte dei giovanissimi allievi del 1° anno della Scuola Militare Giulio Douhet. È il «college» con le stellette dove ci si iscrive a 16 anni per frequentare le ultime tre classi di liceo classico e scientifico. Quindi la decisione se tornare alla vita civile o concorrere (con alcune priorità) ai posti nelle Accademie militari delle Forze armate.

Il 28 marzo giureranno i 41 allievi (di cui 18 donne) di quello che da quel momento sarà battezzato «Corso Omega», il 12° da quando fu aperta la Douhet nel settembre 2006. Gli allievi di quell’anno scolastico (corso Astro) giurarono in piazza Santa Croce. Ci fu anche un giuramento in piazza della Signoria, nell’aprile 2013, da parte del corso Ghibli. Poi le altre cerimonie si sono svolte, pur solennemente, all’interno dei piazzali dell’Isma alle Cascine, dove è ospitata la Douhet.

La formula del giuramento solenne sarà letta dal comandante della Douhet, il colonnello Prisco Antonio Monaco. La corale risposta «lo giuro» risuonerà dal piazzale Michelangelo verso tutta la città di Firenze. Un simbolico invito anche verso tanti coetanei, che potrebbero decidere di mettersi anche loro in gioco per un futuro con la divisa. Il concorso di ammissione all’anno scolastico 2018-2019 della Douhet scade il 12 aprile. C’è anche l’ultimo «Open day» domenica 8 aprile alle Cascine, per capire in diretta cosa offre la Douhet. Il tempo stringe.

 

Il manifesto affisso nelle strade di Firenze per il 95° anniversario dell' Aeronautica Militare

Il manifesto affisso nelle strade di Firenze per il 95° anniversario dell’ Aeronautica Militare

 

da sin Assessore Gianassi, generale Fort, colonnello Monaco, professor Rossi Ferrini della Fondazione Cr Firenze alla conferenza stampa del 95° anniversario dell' Aeronautica Militare

da sin Assessore Gianassi, generale Fort, colonnello Monaco, professor Rossi Ferrini della Fondazione Cr Firenze alla conferenza stampa del 95° anniversario dell’ Aeronautica Militare

 

In un volume la Settimana Aviatoria a Firenze del 1976

In un volume la Settimana Aviatoria a Firenze del 1976. La copertina fu disegnata dal pittore Pietro Annigoni

 

 

 

 

Tags: ,

Sandro Addario

Sandro Addario

Commenti (1)

  • Avatar

    Giuseppe

    |

    Interessante e ben documentato.

    Reply

Lascia un commento

Logo Osservatore

Osservatore Libero

Oltre la Cronaca. News, report e commenti
Chi siamo

Seguici su:

Collegati

Privacy Policy

Previsioni Meteo a cura dell’Aeronautica Militare