Accademia di Scienze Forestali 2018: «Riscoprire i valori del bosco»

il professor Ciancio inaugura l'anno accademico 2018 di Aisf

il professor Ciancio inaugura l’anno accademico 2018 di Aisf

FIRENZE – «Il bosco è un valore trascurato, che può dare ancora tanto all’umanità. Se potesse parlare, direbbe all’uomo che lo ignora: salvami e io ti salverò». L’appello a una nuova cultura del bosco parte da Firenze, all’inaugurazione dell’anno 2018 dell’Accademia Italiana di Scienze Forestali, la massima assise nazionale culturale di studio e salvaguardia del patrimonio boschivo.

ALBERI E BOSCO

Non lo manda a dire il suo pensiero il presidente Orazio Ciancio: «Serve più attenzione scientifica al bosco – tuona – perché non solo è un insieme di alberi, ma un vero e proprio sistema biologico complesso. Oggi l’attenzione – non solo in Italia ma in tutto il mondo – è rivolta ai singoli alberi, presi in esame soprattutto da un punto di vista economico. Cosa ci costano, quanto possiamo ricavarci? Tutto il resto conta poco o niente». «Quello che manca – ammette Ciancio – è l’abitudine a sviluppare il pensiero forestale, in connessione con l’informazione scientifica e l’innovazione tecnologica».

Ed è proprio la tecnologia quella che Marc Palahí, Director dell’European Forest Institute (EFI), definisce la terza via, dopo l’aspetto naturalistico e squisitamente botanico, per sviluppare le conoscenze del bosco al servizio della gente. Arrivato per l’occasione dalla Finlandia, Palahí presenta la sua relazione sul tema «Il ruolo chiave delle foreste nello sviluppo del tertium quid» Dove, tra l’altro, sottolinea come da sole le foreste provvedono al 75% del fabbisogno mondiale di acqua per le necessità dell’uomo.

Marc Palahí durante il suo intervento

Marc Palahí durante il suo intervento

CARABINIERI FORESTALI

Sala gremita quella di Luca Giordano a Palazzo Medici Riccardi, dove l’Accademia di Scienze Forestali è ospite della Città Metropolitana che delega a rappresentarla il sindaco di San Godenzo Alessandro Manni. A portare il saluto dell’Arma dei Carabinieri, che da poco più di un anno ha accorpato il Corpo Forestale dello Stato, è il generale di divisione Davide De Laurentis, vice comandante del Cutfaa, il nuovo Comando Unità per la Tutela Forestale, Ambientale e Agroalimentare. Nel suo intervento De Laurentis (che proviene dal Corpo Forestale) sottolinea il costante legame profondo tra l’Accademia e i forestali italiani, anche nelle stesse esigenze formative del personale. Il progetto di «polizia ambientale europea» che i Carabinieri Forestali stanno portando avanti con successo – dice – si abbina anche a recenti novità sul piano normativo e organizzativo. Una è l’istituzione della nuova Direzione Generale delle Foreste presso il Mipaaf, al cui vertice c’è Alessandra Stefani presente oggi a Firenze accanto al presidente Ciancio. L’altra è il nuovo testo unico in materia di foreste e filiere forestali approvato dal Consiglio dei Ministri dello scorso 16 marzo.

In prima fila c’è il generale di corpo d’armata Tullio Del Sette, già Comandane Generale dei Carabinieri fino al gennaio 2018, l’uomo cui è toccato il compito di «traghettare» i Forestali nell’Arma. Accanto a lui c’è Cesare Patrone, per 12 anni (dal 2004 al 2016) capo indiscusso del Corpo Forestale dello Stato. Entrambi, insieme al dottor Palahí, ricevono dalle mani del presidente Ciancio la nomina a Accademici onorari dell’Aisf.

 

Il generale Del Sette (a sin) riceve la nomina a Accademico onorario

Il generale Del Sette (a sin) riceve la nomina a Accademico onorario

 

Cesare Patrone (a sin) riceve la nomina a Accademico onorario

Cesare Patrone (a sin) riceve la nomina a Accademico onorario

I NUOVI ACCADEMICI

Ecco i nomi dei 38 nuovi «Accademici» dell’Aisf

ONORARIO

  • Tullio Del Sette
  • Marc Palahi
  • Cesare Patrone

EMERITO

  • Giovanni Cannata
  • Gian Pietro Cellerino
  • Sergio Fattorelli

ORDINARIO

  • Berardino Abbruzzese
  • Filippo Brun
  • Maurizio Folliero
  • Gianfranco Minotta
  • Renzo Motta
  • Elena Paoletti
  • Severino Romano
  • Roberto Scotti
  • Donatella Spano
  • Roberto Tognetti

CORRISPONDENTE  

  • Lorenzo Camoriano
  • Sebastiano Cerullo
  • Francesco Chianucci
  • Giuseppe Colangelo
  • Rinaldo Comino
  • Marco Corgnati
  • Alessandro Crosetti
  • Gianni Facciotto
  • Franco Ferraresi
  • Nicoletta Ferrucci
  • Giovanni Galipò
  • Damiano Gianelle
  • Gabriele Guidi
  • Fabio Lombardi
  • Raffaella Lovreglio
  • Caterina Morosi
  • Paolo Nanni
  • Alessandro Paletto
  • Beti Piotto
  • Nicola Puletti
  • Cristina Ricaldone
  • Raffaele Spinelli

 

Cos’è l’Accademia Italiana di Scienze Forestali

 

FOTOGALLERY (27 IMMAGINI)

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

Tags: , ,

Sandro Addario

Sandro Addario

Commenti (1)

  • Avatar

    Valter Reali

    |

    La distruzione del CORPO FORESTALE dello STATO è quindi un merito?…🤔

    Reply

Lascia un commento

Logo Osservatore

Osservatore Libero

Oltre la Cronaca. News, report e commenti
Chi siamo

Seguici su:

Collegati

Privacy Policy

Previsioni Meteo a cura dell’Aeronautica Militare