Firenze, scippa una turista che cade e si ferisce. Preso dai Carabinieri

Lo scippatore della turista è stato arrestato a tempo di record dai Carabinieri del Nucleo Radiomobile

Lo scippatore della turista è stato arrestato a tempo di record dai Carabinieri del Nucleo Radiomobile

FIRENZE – Ha strappato la borsa a una turista di 74 anni a Firenze, facendola cadere a terra e procurandole lesioni guaribili in almeno 30 giorni. Quelle fisiche. Per quelle psicologiche ci vorrà molto più tempo. Rintracciato dai Carabinieri a tempo di record, l’uomo – italiano – è stato arrestato. Processato per direttissima, il giudice ha deciso per gli arresti domiciliari presso l’abitazione dei genitori.

Tutto è cominciato nella serata di venerdì 21 settembre verso le 21 in via Santa Margherita a Firenze, una strettissima strada nel centro storico tra via del Corso e via Dante Alighieri. Una turista americana di origine italiana di 74 anni è stata raggiunta alle spalle da un uomo che le ha strappato con violenza la borsa facendola cadere a terra e dandosi alla fuga. Per il diritto penale è uno scippo con lesioni e non una rapina.

La turista è stata subito soccorsa da alcuni passanti e quindi dai sanitari del 118 che l’hanno portata al Pronto Soccorso dell’ospedale di Santa Maria Nuova, dove le è stata riscontrata la frattura della testa omerale e un lieve trauma cranico, guaribili in trenta giorni.

CHI È LO SCIPPATORE

Intanto i carabinieri del Nucleo Radiomobile, subito intervenuti sul posto, hanno iniziato la ricerca dello scippatore. Sulla base di testimonianze raccolte e dalla visione di alcune telecamere di sorveglianza della zona, i militari sono riusciti a rintracciarlo poco dopo in piazza Santa Croce. Si tratta di Michele Turtù, 33 anni originario delle Marche, un pregiudicato già noto alle forze dell’ordine per reati contro il patrimonio ed in materia di stupefacenti. A nulla gli è servito cambiarsi la maglietta che indossava al momento dello scippo. È stato riconosciuto e arrestato.

Processato per direttissima sabato 22 settembre, il giudice di turno del Tribunale ha convalidato l’arresto eseguito dai Carabinieri e disposto – in attesa del processo – la misura cautelare degli arresti domiciliari presso l’abitazione dei genitori a Sant’Elpidio a Mare (Ascoli Piceno). Dove lo hanno scortato i carabinieri di Firenze. Per gli scippatori in carcere non c’è posto.

LE FASI DELL’AGGUATO

(Immagini diffuse dal Comando Provinciale Carabinieri Firenze)

 

Tags: ,

Sandro Addario

Sandro Addario

Lascia un commento

Logo Osservatore

Osservatore Libero

Oltre la Cronaca. News, report e commenti
Chi siamo

Seguici su:

Collegati

Privacy Policy

Previsioni Meteo a cura dell’Aeronautica Militare