Difesa, Mattarella applaude Vecciarelli nuovo capo di Stato Maggiore

Il presidente Mattarella con i generali Vecciarelli (a sin.) e Graziano

Il presidente Mattarella con i generali Enzo Vecciarelli (a sin.) e Claudio Graziano

ROMA – Da martedì 6 novembre Enzo Vecciarelli è il nuovo capo di Stato maggiore della Difesa. Sarà l’unico «generale» delle forze armate italiane, l’ufficiale a 4 stelle senza alcuna specifica come ad esempio «di corpo d’armata» o di «squadra». Generale e basta. Subentra al generale Claudio Graziano, che, al termine del suo mandato, va a Bruxelles a presiedere il Comitato militare dell’Unione Europea (Eumc), composto dei capi di stato maggiore della difesa degli Stati membri.

Alla solenne cerimonia della cessione dell’insegna di comando (le quattro stelle di Generale) tra Graziano e Vecciarelli è intervenuto lunedì 5 novembre – presso la base del 31° Stormo dell’Aeronautica a Roma Ciampino – il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, accompagnato dal ministro della Difesa Elisabetta Trenta e dalla vice presidente della Camera Mara Carfagna in rappresentanza del Parlamento.

Nel grande hangar di Ciampino era schierata una brigata di formazione, agli ordini del generale di brigata dell’Esercito Mario Sumatra. Ne facevano parte rappresentanze di Esercito, Marina, Aeronautica, Carabinieri e Guardia di Finanza con le Bandiere di guerra e una selezione delle rispettive Bande musicali. Significativa la presenza delle rappresentative degli atleti dei Gruppi Sportivi militari e del Gruppo Sportivo Paralimpico della Difesa (Gspd), appena rientrato da Sydney dove ha partecipato all’Invictus Games 2018.

 

 

IL CONGEDO DI GRAZIANO

Nel suo saluto di «congedo» il generale Graziano ha tra l’altro sottolineato come all’attività delle donne e degli uomini delle Forze armate va dedicata «ogni nostra attenzione, senza demagogia, senza secondi fini, sapendo che anche in questo momento, in qualche luogo della terra, un uomo o una donna con il tricolore cucito sull’uniforme e sulla pelle sta operando in armi, a protezione dei deboli e per la tutela degli interessi nazionali. Negli ultimi trenta anni l’Italia ha maturato prestigio e credibilità proprio dall’efficacia dell’impiego delle sue Forze Armate». Qui l’intervento integrale del Generale Graziano.

VECCIARELLI: INVESTIRE SULLA DIFESA

«Le Forze armate sono pronte da tempo ad operare come sistema aperto e inclusivo – ha sottolineato da parte sua il generale Vecciarelli – disponibili a fornire il loro contributo al paese senza incertezze, gelosie o sterili difese corporative. Con mente aperta, spirito innovativo, visione proiettata al futuro. Per fare ciò appare essenziale continuare a investire nella difesa quale risorsa propulsiva del paese. E procedere verso una più solida integrazione tra tutte le realtà, le agenzie e i dicasteri che concorrono al sistema di sicurezza nazionale e al più ampio sistema Italia». Qui l’intervento integrale del Generale Vecciarelli

TRENTA: NATO E UNIONE EUROPEA

Ha concluso, come prassi, gli interventi il ministro della Difesa che ha voluto ricordare come «mai come in questi ultimi anni abbiamo visto le Forze Armate occupare un ruolo così importante nella vita del Paese» ha detto Elisabetta Trenta. «Si sono costruite un patrimonio di credibilità, esperienza e capacità, sia di fronte all’opinione pubblica nazionale che a quella internazionale, che dobbiamo preservare in tutti i modi». Il futuro? «Quello che ci attende sarà ancora più impegnativo».

«La stabilizzazione della Libia – ha continuato il ministro – resta una priorità per la sicurezza del Mediterraneo, mentre la pericolosa evoluzione della situazione nel teatro siro-iracheno continua a destare particolare preoccupazione. Così come la crisi migratoria continua a porre importanti interrogativi per la sicurezza e per la stessa fondamentale coesione europea». Un futuro che vedrà l’Italia fare affidamento sia sulla Nato che sulla capacità di difesa dell’Unione Europea, continuando «a lavorare – ha sottolineato Trenta – affinché le due Organizzazioni operino in maniera strettamente congiunta». Qui l’intervento integrale del Ministro Trenta

 

CHI C’ERA ALLA CERIMONIA (FOTOGALLERY 46 IMMAGINI)

AUTORITÀ E OSPITI

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

REPARTI MILITARI

Questo slideshow richiede JavaScript.

IL VIDEO DELLA CERIMONIA (QUIRINALE) 

 

 

Tags: , , ,

Sandro Addario

Sandro Addario

Commenti (1)

  • Avatar

    Alessandro Gentili

    |

    Reportage perfetto e veramente completo. Complimenti!

    Reply

Lascia un commento

Logo Osservatore

Osservatore Libero

Oltre la Cronaca. News, report e commenti
Chi siamo

Seguici su:

Collegati

Privacy Policy

Previsioni Meteo a cura dell’Aeronautica Militare