Betori ai Carabinieri: la bontà non finisce in prima pagina (AUDIO)

Il cardinale Giuseppe Betori alla celebrazione della Virgo FIdelis 2018

Il cardinale Giuseppe Betori alla celebrazione della Virgo FIdelis 2018

FIRENZE – «Il nostro è un mondo di contraddizioni dove ci sono tanti slanci di bontà, di cui voi Carabinieri siete non solo testimoni ma anche attori, protagonisti voi stessi. Di tanti gesti di bontà che magari non arrivano nelle prime pagine dei giornali, su cui arriva invece l’altra faccia del nostro tempo. Quella fatta da tanta malvagità, azioni negative che segnano la vita delle persone e dei popoli». Così mercoledì 21 novembre il cardinale Giuseppe Betori, arcivescovo di Firenze, si è rivolto ai Militari dell’Arma durante la ricorrenza della Virgo Fidelis 2018, patrona dei Carabinieri, nella basilica di Santa Maria Novella.

«È importante sentire il servizio di voi Carabinieri – ha proseguito Betori – come parte del disegno di Dio, che è fatto di amore e di verità oltre le menzogne che lo vorrebbero invece teatro di tensioni, scontri, contrapposizioni. Sentire così il vostro servizio vicino al disegno di Dio può riscattarlo dalla pesantezza della quotidianità, che vi pone tante volte di fronte al male».

QUI L’AUDIO INTEGRALE DELL’OMELIA DEL CARDINALE BETORI

 

LA CERIMONIA

La «festa» della Patrona dei Carabinieri si è svolta mercoledì 21 novembre nella Basilica di Santa Maria Novella a Firenze, gremitissima di militari di ogni età. Dai giovanissimi allievi della Scuola Marescialli e Brigadieri di Firenze Castello, ad ufficiali e sottoufficiali in servizio e in congedo con molti familiari. Presenti anche rappresentanze dell’Associazione Nazionale Carabinieri e dell’O.N.A.O.M.A.C. (Opera Nazionale Assistenza Orfani Militari Arma Carabinieri), che quest’anno celebra i 70 anni della sua fondazione.

Ad accogliere le autorità e gli ospiti c’erano il generale di divisione Gianfranco Cavallo, comandante della Scuola Marescialli e Brigadieri, con il generale di brigata Nicola Massimo Masciulli, comandante della Legione Toscana Carabinieri. Tra i presenti il prefetto di Firenze Laura Lega, l’assessore alla sicurezza del Comune Federico Gianassi in rappresentanza del sindaco, il Procuratore generale presso la Corte d’Appello Marcello Viola, il questore Alberto Intini, il generale di divisione Bruno Bartoloni comandante regionale della Guardia di Finanza insieme ai vertici di Esercito, Aeronautica, Carabinieri, Polizia Municipale di Firenze. Suggestiva e impeccabile l’esecuzione di brani da parte della Fanfara della Scuola Marescialli Brigadieri diretta dal maresciallo maestro Ennio Robbio e del Coro degli allievi diretti dai marescialli Silvio Tarantelli e Gianni Tavian. Significativa anche l’esecuzione della voce solista del Coro, maresciallo Francesco Esposito, che ha intonato le celebri note del ‘Panis Angelicus’.

VIRGO FIDELIS

La proclamazione della Virgo Fidelis come patrona dell’Arma dei Carabinieri fu decisa l’8 dicembre 1949 da papa Pio XII. La celebrazione della festa venne fissata al 21 novembre, in concomitanza della presentazione di Maria Vergine al Tempio e della ricorrenza della battaglia di Culqualber. Quest’ultima venne combattuta in Abissinia nel 1941. Per il valoroso comportamento tenuto dall’intero reparto dei Carabinieri, alla Bandiera di guerra dell’Arma fu concessa una medaglia d’oro al valor militare.

GIORNATA DELL’ORFANO

Le circostanze sono state ricordate al termine della Messa dal generale Cavallo, nel suo saluto al cardinal Betori e ai presenti, a fianco di un ritratto della Virgo Fidelis, opera della pittrice Anna Nigro, moglie di un Luogotenente dei Carabinieri e madre di due figli anch’essi nell’Arma. Nell’occasione è stata sottolineato anche il significato della «Giornata dell’Orfano», dedicata agli orfani di appartenenti all’Arma, assistiti dall’ O.N.A.O.M.A.C grazie prevalentemente a contributi volontari di militari di ogni grado e dalle offerte di privati cittadini, testimonianza concreta del legame ideale che unisce l’Istituzione alle famiglie dei colleghi caduti in servizio.

 

CHI C’ERA ALLA CERIMONIA : FOTOGALLERY (27 immagini)

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

VIDEO 

 

 

VIRGO FIDELIS IN KOSOVO

La ricorrenza della Virgo Fidelis, celebrata in tutti i comandi dell’Arma in Italia, è stata tra l’altro ricordata in Kosovo, presso il Comando del Reggimento Multinational Specialized Unit Carabinieri a Pristina. Una cerimonia sobria ma solenne al tempo stesso con una messa celebrata dal Vescovo di Prizren-Pristina Dode Gjergji con il cappellano militare del contingente Nato KFor don Luca Giuliani, il parroco della cattedrale Madre Teresa di Pristina, don Lush Gjergji e il direttore dell’istituto salesiano Don Bosco di Pristina, don Izidor Lukic.

Accolti dal comandante del reggimento, colonnello Ruggiero Capodivento, erano presenti, tra gli altri, l’ambasciatore italiano in Kosovo Piero Cristoforo Sardi e il generale di divisione Salvatore Cuoci Comandante della Kfor. È stata un’occasione quella della Virgo Fidelis, non solo per ricordare la Patrona dei Carabinieri e la Giornata dell’Orfano, ma anche un nuovo momento d’incontro tra autorità locali e rappresentanze degli assetti Nato presenti in Kosovo.

 

FOTO DAL KOSOVO

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

TI POTREBBE INTERESSARE

16 NOV 2018

Magherini: l’assoluzione dei Carabinieri non va in prima pagina

Tags: ,

Sandro Addario

Sandro Addario

Lascia un commento

Logo Osservatore

Osservatore Libero

Oltre la Cronaca. News, report e commenti
Chi siamo

Seguici su:

Collegati

Privacy Policy

Previsioni Meteo a cura dell’Aeronautica Militare