Alluvione di Firenze, in un libro l’intervento della Polizia

La famiglia Tinti : da sin. Daniele, Graziella e Sergio Tinti

La famiglia Tinti : da sin. Daniele, Graziella e Sergio Tinti alla presentazione del libro

FIRENZE – Vitale Casciaro e Cesare Suriano sommozzatori, Francesco Leonardi ‘stradalino’, Bruno Podestà del Reparto Mobile. Volti anonimi tra i tanti con la divisa da poliziotto accorsi a Firenze durante la tragica alluvione del 1966. Sono testimoni oculari del dramma vissuto dalla città e dai suoi abitanti, non solo durante le ore della piena del 4 novembre ma anche e soprattutto nei giorni successivi, quando il peggio non era ancora passato.

La loro voce, insieme a quella di altri 32 colleghi, è raccolta nel libro «La Polizia di Firenze nell’alluvione del ’66» (Edizioni dell’Assemblea del Consiglio Regionale della Toscana) curato da Sergio Tinti e Daniele Tinti. Il primo vive a Firenze, già Comandante del Compartimento della Toscana della Polizia Stradale e ora presidente della sezione fiorentina dell’Anps, l’Associazione Nazionale della Polizia di Stato. Il figlio Daniele, professionista della fotografia, vive a Torino impegnato con il Museo Nazionale del Cinema.

PROTAGONISTI

Un libro dove parlano i protagonisti di quei giorni di 52 anni fa. Dalle voci di chi fu soccorso a quelle degli operatori della Polizia di ogni grado chiamati in pochi minuti a fronteggiare l’emergenza. Sommozzatori, elicotteristi, ufficio sanitario della Polizia, personale della Questura, Reparto Mobile, poliziotti di tutte le specialità presenti a Firenze. In una parola «gli angeli con le stellette». Storie di solidarietà e di coraggio, raccolte per la prima volta in modo organico e approfondito, come sottolinea il Presidente del Consiglio Regionale della Toscana Eugenio Giani nella presentazione del volume. «Vuole essere un gesto di attenzione e gratitudine – scrive Giani – verso un Corpo (la Polizia di Stato n.d.r.) che rappresenta un pilastro fondamentale per la nostra democrazia e la nostra sicurezza».

Preziosa e significativa la raccolta fotografica curata dagli autori, vere e proprie «fotonotizie» spesso inedite che parlano da sole senza bisogno di particolari didascalie e approfondimenti.

Parlano anche personalità della Firenze di oggi, allora giovanissime ma con un ricordo lucido e fotografico di quelle settimane del novembre dicembre 1966. Dall’attuale presidente della Corte d’Appello Margherita Cassano alla parlamentare Rosa Maria Di Giorgi, figlia di un poliziotto, al presidente dell’Automobil Club Massimo Ruffilli.

Alla presentazione del libro in Consiglio Regionale a Firenze, con il presidente Giani e gli autori,  erano presenti tra gli altri il prefetto di Firenze Laura Lega, l’onorevole Rosa Maria Di Giorgi, il questore di Firenze Alberto Intini

SCARICA QUI IL LIBRO «La Polizia di Firenze nell’alluvione del ’66»

(dal sito del Consiglio Regionale della Toscana)

Ecco l’indice

Presentazione del Presidente Eugenio Giani 7

Prefazione del Capo della Polizia Franco Gabrielli 9

Premessa 13

  • Una città ferita 17
  • Le voci di chi fu soccorso 25
  • La Polizia a Firenze 41
  • Questura e Commissariati 49
  • La Polizia Femminile 55
  • Il Raggruppamento di P.S. 57
  • La Polizia Stradale 61
  • Reparti Celeri e Reparti Mobili 65
  • La Polizia Ferroviaria 69
  • L’Autocentro 71
  • La Zona Telecomunicazioni 73
  • L’Ufficio Sanitario 75
  • Le voci di chi soccorse 77
  • Il ringraziamento della collettività 127

Ringraziamenti 135

Fonti 137

Gli Autori 140

Referenze fotografiche 141

Indice dei nomi 143

 

La presentazione del libro in Consiglio Regionale della Toscana

 

 

Tags: , ,

Sandro Addario

Sandro Addario

Lascia un commento

Logo Osservatore

Osservatore Libero

Oltre la Cronaca. News, report e commenti
Chi siamo

Seguici su:

Collegati

Privacy Policy

Previsioni Meteo a cura dell’Aeronautica Militare