Traffico internazionale di droga scoperto dalla Polizia a Firenze

La conferenza stampa alla Procura della Repubblica di Firenze

La conferenza stampa alla Procura della Repubblica di Firenze

FIRENZE – Dodici persone arrestate al termine di un’operazione antidroga condotta dalla Squadra Mobile di Firenze. Un vero e proprio traffico internazionale di cocaina e marijuana, provenienti dalla Spagna via Ventimiglia nascoste spesso nel carico dei Tir. La droga veniva trasportata anche su auto con targhe inglesi, spagnole o francesi, con a bordo coppie di mezza età.

Da quanto emerso sembra che ogni settimana arrivassero a rifornire il mercato toscano (ed in parte anche a Bologna) almeno 30 chili di marijuana e ingenti quantità di cocaina. Un valore complessivo del traffico di droga per milioni di euro, come è stato indicato in una conferenza stampa dal procuratore capo della Repubblica di Firenze Giuseppe Creazzo e dal capo della Squadra Mobile fiorentina Antonino De Santis.

BLITZ ALL’ALBA

Nella sola giornata di oggi 25 gennaio, nel corso dell’attività condotta all’alba a Firenze dai poliziotti della Sezione antidroga guidata dal vice questore aggiunto Maria Assunta Ghizzoni, sono state arrestate in flagranza di reato 2 persone e sequestrati 8 kg di cocaina, 30 di hashish, 100 piante di marijuana e circa 90.000 euro in contanti. Tutto questo in un appartamento nella zona dell’Isolotto e in una camera d’albergo a Sesto Fiorentino, dove uno degli arrestati aveva fissato una base logistica transitoria. Parte della droga e dei contanti erano nascosti nella cassaforte dell’armadio della camera.

L’operazione – è stato detto in conferenza stampa alla quale erano presenti anche poliziotti della Direzione centrale per i servizi antidroga (Dcsa) – si inserisce in un’ampia indagine iniziata a fine 2016, coordinata dalla Procura della Repubblica di Firenze, che ha portato complessivamente all’arresto di 26 persone. Tra la droga sequestrata oltre 130 kg di marijuana, quasi 45 di hashish, 8 di cocaina, qualche altro grammo tra oppio e ketamina e una somma di denaro che si aggira intorno ai 180.000 euro in contanti.

CHI SONO GLI ARRESTATI

Fin dall’inizio nel mirino degli inquirenti era finito un cittadino albanese considerato ai vertici dell’organizzazione. Si tratta di Dhori Bibo, nato nel 1984 e residente a Scandicci arrestato insieme al suo connazionale Sokol Vukatana, nato nel 1984 e residente a Campi Bisenzio. Durante la conferenza stampa di oggi 25 gennaio è arrivata anche la conferma che in Spagna erano stati appena arrestati due italiani. Si tratta di Daniele Gadda, nato nel 1971, e di Arianna Angelillo nata nel 1974, entrambi domiciliati a Malaga.

Gli altri arrestati colpiti da misura cautelare in carcere sono:

  • Hamit Xhumari (Albania 1984) residente a Signa
  • Jimenez Cano (Spagna 1961) residente in Spagna
  • Nicolò Tartarini (Livorno 1995) residente a La Spezia
  • Dorian Bushati (Albania 1985) residente a Firenze

Ad altre 4 persone, tutte italiane di cui 3 fiorentini, è stata notificata la misura cautelare agli arresti domiciliari.

 

 

 

 

Tags: ,

Sandro Addario

Sandro Addario

Lascia un commento

Logo Osservatore

Osservatore Libero

Oltre la Cronaca. News, report e commenti
Chi siamo

Seguici su:

Collegati

Privacy Policy

Previsioni Meteo a cura dell’Aeronautica Militare