Carabinieri, cinque nuovi comandanti in Toscana. De Liso saluta Firenze

Il colonnello Giuseppe De Liso lascia Firenze
Il colonnello Giuseppe De Liso lascia Firenze

FIRENZE – «Siate sempre presenti quando gli altri non ci sono, parlate con chi nessuno vuole parlare, fate tutto ciò che gli altri non vogliono fare. È questa l’essenza del nostro servizio». Così il colonnello Giuseppe De Liso, comandante provinciale dei Carabinieri di Firenze, ha salutato i suoi militari alla vigilia della sua partenza dal capoluogo toscano. 

De Liso era arrivato a Firenze tre anni fa esatti, il 22 settembre 2016. Ora va a Roma, chiamato al Comando Generale dove dal 10 settembre dirigerà il delicato Ufficio del Cerimoniale. Di fatto sarà la costante «ombra» del Comandante Generale Giovanni Nistri, in ogni pubblica occasione dove sarà presente il numero uno dell’Arma.  Sostituirà il generale Salvatore Cagnazzo, destinato a guidare il Comando Carabinieri Banca d’Italia. 

A Firenze De Liso sarà invece sostituito dal colonnello Antonio Petti (173° Corso di Accademia) proveniente dal Gruppo Roma e che lunedì 9 settembre si insedierà al comando fiorentino dell’Arma in Borgognissanti. 

IL SALUTO DI DE LISO

Il saluto di De Liso a Firenze è avvenuto venerdì sera 6 settembre nel corso di una breve ma sentita cerimonia all’interno della caserma Carlo Corsi. Presenti le massime autorità cittadine. Dal cardinale arcivescovo Giuseppe Betori al prefetto Laura Lega. Dal presidente del Consiglio Regionale Eugenio Giani al sindaco di Firenze Dario Nardella, dal questore Armando Nanei, al comandante della Scuola Marescialli dei Carabinieri, generale Gianfranco Cavallo (anche lui prossimo a lasciare Firenze), al generale Nicola Massimo Masciulli comandante della Legione Carabinieri Toscana. Dai vertici della magistratura a quelli delle Forze Armate presenti in città. Da Imperia è venuto il prefetto Alberto Intini già questore di Firenze. Da Perugia è arrivato il generale Benedetto Luciano Lipari, già comandante provinciale della Finanza. Un lungo elenco di rappresentanti delle istituzioni ma anche – come De Liso ha sottolineato non senza emozionata soddisfazione – quasi tutti i comandanti delle 58 stazioni dell’Arma nella città metropolitana di Firenze. «Voi siete i terminali della protezione ravvicinata – ha detto il comandante ringraziandoli – voi fate parte della macchina molecolare della sicurezza nazionale». 

Il prefetto Laura Lega, il colonnello Giuseppe De Liso e il sindaco di Firenze Dario Nardella
Il prefetto Laura Lega, il colonnello Giuseppe De Liso e il sindaco di Firenze Dario Nardella
Brindisi di saluto al colonnello De Liso
Brindisi di saluto al colonnello De Liso

MOVIMENTI E NUOVI COMANDANTI IN TOSCANA

Settembre è per tradizione il mese degli avvicendamenti negli incarichi di vertice delle Forze Armate. Nei Carabinieri sono cinque i nuovi comandanti provinciali in Toscana. Gli avvicendamenti si svolgono entro la fine di settembre.

– Firenze: il colonnello Antonio Petti subentra al colonnello Giuseppe De Liso

– Pisa: il colonnello Nicola Bellafante va a Roma (comanderà i Carabinieri Polizia Militare presso lo Stato Maggiore Difesa) sostituito dal 23 settembre dal colonnello Giulio Duranti in arrivo dalla Legione Sardegna

– Lucca: il colonnello Giuseppe Arcidiacono va a Messina al Comando Interregionale Culquaber e sarà avvicendato dal colonnello Ugo Blasi in arrivo dal Comando Generale di Roma.

Livorno: il colonnello Alessandro Magro è destinato a comandare la Scuola Allievi Carabinieri a Reggio Calabria. Gli subentra il colonnello Massimiliano Sole in arrivo dall’Accademia Militare di Modena, dove comanda il Battaglione Allievi Carabinieri.

Arezzo: il colonnello Giuseppe Ligato va a Roma alla Direzione Motorizzazione del Comando Generale dell’Arma. Al suo posto è atteso il colonnello Vincenzo Franzese, attuale Vice comandante dei Carabinieri per la Tutela del patrimonio a Roma.

Altri movimenti a Firenze riguardano il colonnello Ciro Trentin che lascia la Scuola Marescialli per assumere dal 9 settembre il comando provinciale di Como. Al suo posto di Capo Ufficio Addestramento della Scuola subentra il colonnello Giovanni Semeraro. In partenza anche il capitano Giuseppe Pontillo, comandante della Compagnia Firenze, che va a Roma alla Sala Operativa del Comando Generale. Al suo posto è in arrivo il capitano Antonino Piccione, attuale comandante della Compagnia di Catanzaro. 

Tags:

Sandro Addario

Sandro Addario

Lascia un commento

Logo Osservatore

Osservatore Libero

Oltre la Cronaca. News, report e commenti
Chi siamo

Seguici su:

Collegati

Privacy Policy

Previsioni Meteo a cura dell’Aeronautica Militare