Sim-GdF, si dimettono presidente e segretario generale

Il Direttivo nazionale del Sim-GdF

ROMA – Cambio ai vertici del Sim-GdF il sindacato militare della Guardia di Finanza. Ad appena 6 mesi dalla sua costituzione lasciano il presidente Andrea Leccese e il segretario generale Cleto Iafrate. Li sostituirà alla guida del sindacato Gaetano Insinna, eletto sabato 28 settembre segretario generale. Le cariche di presidente e di segretario generale aggiunto (ruolo finora ricoperto dallo stesso Insinna) restano così vacanti, in quanto – si legge in una nota pubblicata sulla pagina Facebook del sindacato militare – «allo stato, non necessarie per il governo e la rappresentatività del sodalizio associativo». 

«Non è facile, con le ‘regole d’ingaggio’ oggi a disposizione – si legge nella nota – conciliare impegni familiari, lavorativi e, nel contempo, svolgere ruoli apicali sindacali in assenza di tutele normative che diano reale agibilità e operatività sindacale. Allo stato il progetto di legge (non proprio il migliore possibile) sui sindacati militari risulta ‘congelato’ ormai da tempo presso la IV Commissione Difesa della Camera dei Deputati e vede i ‘carbonari’ dei sindacati militari costretti a svolgere la propria funzione sottraendo il loro tempo alle famiglie, a svolgerlo lontano dalle caserme e a spese proprie». 

Un esempio? Non sono (ancora) consentiti permessi sindacali e i dirigenti del sindacato – per potersi riunire – devono farlo a proprie spese, fuori dell’orario di lavoro e magari prendendo un giorno di licenza. 

«Il Sim-GdF resta fermamente convinto – prosegue la nota – che il processo di sindacalizzazione delle Forze di Polizia ad ordinamento militare sia necessario ed ineludibile per meglio garantire il buon andamento della Pubblica Amministrazione e per vedere finalmente riconosciuti quei diritti che la Costituzione garantisce a tutti i lavoratori ma che, ad oggi, la Legge vieta al cittadino militare, servitore silenzioso dello Stato»..

L’auspicio è che «il legislatore possa, quanto prima, approvare una norma sulla sindacalizzazione del mondo militare, in linea con la Sentenza n.120/2018 della Corte Costituzionale ormai di lontana memoria, che recepisca le osservazioni sollevate a carico della proposta come finora palesata e che consenta la reale operatività sindacale così come la Consulta ha indicato nella sua declaratoria di incostituzionalità dell’aprile 2018». 

Sandro Addario

Sandro Addario

Lascia un commento

Logo Osservatore

Osservatore Libero

Oltre la Cronaca. News, report e commenti
Chi siamo

Seguici su:

Collegati

Privacy Policy

Previsioni Meteo a cura dell’Aeronautica Militare