Emergenza Covid-19, in azione i Rotary Club della Toscana

Alcuni Rotary fiorentini hanno collaborato con la Protezione Civile fornendo climatizzatori per aree di accoglienza per persone in quarantena. Qui l'arrivo del materiale
Alcuni Rotary fiorentini hanno collaborato con la Protezione Civile fornendo climatizzatori per aree di accoglienza per persone in quarantena. Qui l’arrivo del materiale

FIRENZE – Rotary e i Rotaract Club della Toscana in campo per l’emergenza Covid-19. Una vera e propria «gara» di solidarietà è partita da subito per sostenere le loro comunità ad affrontare la pandemia che non ha risparmiato nessuna delle province della regione. Una risposta all’invito del Governatore del 2071° Distretto Massimo Nannipieri agli oltre 3300 Rotariani della Toscana, che ha evidenziato come  «il Rotary non può rimanere passivo come soggetto di impegno e solidarietà, che cerca sempre di individuare azioni di servizio verso la comunità ed i suoi maggiori bisogni sanitari e sociali tanto più in questo tragico momento».

Mentre l’impegno dei 66 Rotary Club toscani è ancora in corso – si legge in una nota del Distretto 2071 – «è quantificabile che sono stati realizzati progetti per un valore di oltre 400 mila euro complessivi. I Club si sono mobilitati per rispondere alle esigenze degli ospedali della regione, del personale sanitario, della Protezione civile, del volontariato, delle case di riposo ma anche dei bisogni dei singoli cittadini». 

Sono stati forniti strumenti di alta tecnologia, dispositivi di protezione come mascherine, guanti, tute, ventilatori, caschi di respirazione, kit generali di rianimazione ed altro ancora, che sono stati consegnati non solo agli ospedali della Regione, ma anche ad altre strutture sanitarie, a varie associazioni di volontariato e alle case di riposo, 

Viene effettuata divulgazione medico-scientifica attraverso il volontariato di medici e sanitari, soci rotariani, ed attraverso numeri telefonici mirati e video realizzati allo scopo, al fine di dare validi consigli di prevenzione del contagio. Sono stati sviluppati progetti articolati per aiutare i più disagiati e fragili come gli anziani e gli ammalati nelle difficoltà correnti. Sono stati presi contatti con le autorità sanitarie, con gli ospedali e con la Protezione Civile per offrire suggerimenti medico/scientifici e disponibilità di profili professionali qualificati. Sono state consegnati computer e tablet a diverse scuole per effettuare le lezioni a distanza. 

Ma oltre all’impegno diretto dei singoli Club sul territorio, anche il Distretto 2071 della Toscana sta cercando di finalizzare un grande e significativo progetto sanitario insieme agli altri Distretti Rotary italiani. «L’importo sarà elevato nella raccolta italiana – conclude la nota – e potrà trovare moltiplicazione con contributi provenienti dal Rotary mondiale e da altre organizzazioni internazionali. Qualità sanitaria e valore finanziario per un’iniziativa che altrimenti sarebbe rimasta sempre e soltanto nei Club, vero cuore dell’azione rotariana». 

Conclude il Governatore Nannipieri. «Se ancora  qualcuno non credeva che ‘il Rotary connette il mondo’ – come il tema annuale del Presidente internazionale Mark Maloney – oggi può trovarne piena dimostrazione e conferma». 

Qui il sito ufficiale del 2071° Distretto del Rotary International

PER SAPERNE DI PIÙ

Nella rivista Rotary 2071 di Aprile 2020 le prime iniziative del Rotary Club toscani per l’emergenza Covid-19

Massimo Nannipieri, governatore del 2071° Distretto Rotary International
Massimo Nannipieri, governatore del 2071° Distretto Rotary International

Tags: , , ,

Lascia un commento

Logo Osservatore

Osservatore Libero

Oltre la Cronaca. News, report e commenti
Chi siamo

Seguici su:

Collegati

Privacy Policy

Previsioni Meteo a cura dell’Aeronautica Militare