Covid19, prefetture in prima linea per la ripresa in sicurezza dell’economia

Il palazzo del Viminale sede del Ministero dell'Interno
Il palazzo del Viminale sede del Ministero dell’Interno

ROMA – Quasi 200 mila aziende italiane hanno potuto continuare la loro attività durante l’emergenza Covid19. «Sono state 192.443 le aziende che, al 24 aprile, hanno presentato la comunicazione alle prefetture – si legge in una nota del Ministero dell’Interno – per poter continuare a lavorare in quanto funzionali ad assicurare la continuità delle filiere delle attività non sospese oppure perché di rilevanza strategica per l’economia nazionale». 

PROSECUZIONE ATTIVITÀ

Si tratta della comunicazione di prosecuzione dell’attività prevista dal Dpcm 10 aprile 2020, «una procedura semplificata – prosegue la nota del Viminale – che fa affidamento sul senso di responsabilità dei singoli imprenditori e che consente l’immediato avvio dell’attività con la preventiva comunicazione al prefetto che è chiamato a verificarne i presupposti». «Le verifiche non devono necessariamente concludersi con un provvedimento espresso – precisa il ministero – che viene adottato soltanto nel caso in cui dagli accertamenti emerga l’insussistenza delle condizioni che legittimano l’esercizio dell’attività». 

CONTROLLI

Le verifiche da parte di task force appositamente costituite nelle prefetture italiane hanno riguardato 116.237 comunicazioni ed hanno portato all’adozione di 2.631 provvedimenti di sospensione. Un numero relativamente contenuto, pari al 2,3%. 

Il maggior numero di comunicazioni alle prefetture è stato presentato in Lombardia (23%), Veneto (16,4%) ed Emilia Romagna (16,4%). Seguono nel centro Italia Toscana (7,9%) e Lazio (4,5%), mentre nelle regioni meridionali Puglia (3,7%) e Campania (2%).

COME FARE LA COMUNICAZIONE

A Firenze, dove i controlli finora effettuati sono stati circa 5000, le comunicazioni di prosecuzione attività si possono effettuare collegandosi al sito della Prefettura alla pagina ‘Coronavirus attività produttive’. Vi sono evidenziate le modalità di accesso rapido per 

Modello 1 – prosecuzione attività perché funzionale ad imprese o amministrazioni la cui attività è consentita.

Modello 2 – prosecuzione attività degli impianti a ciclo produttivo continuo.

Modello 3 – prosecuzione attività industria dell’aerospazio, della difesa, attività strategiche per l’economia nazionale.

Modello 4 – accessi ai locali aziendali di personale dipendente o terzi delegati per lo svolgimento di attività di vigilanza, per attività conservative e di manutenzione, per gestione dei pagamenti, per attività di pulizia e sanificazione nonché per la spedizione verso terzi di merci giacenti in magazzino nonché la ricezione in magazzino di beni e forniture

Tags: , ,

Sandro Addario

Sandro Addario

Lascia un commento

Logo Osservatore

Osservatore Libero

Oltre la Cronaca. News, report e commenti
Chi siamo

Seguici su:

Collegati

Privacy Policy

Previsioni Meteo a cura dell’Aeronautica Militare