Aeronautica, chi è il generale Floreani nuovo comandante Isma di Firenze

Cambio di comando all' Isma di Firenze tra il gen. Nuzzo (a sin.) e il gen. Floreani (a destra). Al centro il generale Colagrande comandante delle Scuole dell'Aeronautica
Cambio di comando all’ Isma di Firenze tra il gen. Nuzzo (a sin.) e il gen. Floreani (a destra). Al centro il generale Colagrande comandante delle Scuole dell’Aeronautica

FIRENZE – Si è insediato al comando dell’Istituto di Scienze Militari Aeronautiche di Firenze (Isma) il generale di brigata aerea Urbano Floreani. Venerdì 17 luglio si è svolta la cerimonia di avvicendamento con il generale di brigata aerea Vincenzo Nuzzo, che gli ha simbolicamente ceduto la Bandiera d’Istituto dell’Isma. Nuzzo, arrivato a Firenze nel settembre 2018, è stato ora chiamato allo Stato Maggiore dell’Aeronautica a Roma, dove dirigerà l’Ufficio Generale per l’Innovazione Manageriale (UIM). 

Una cerimonia insolitamente a porte chiuse – come ormai prassi durante il perdurare dell’emergenza sanitaria Covid19 – alla quale era presente il generale di squadra aerea Aurelio Colagrande, comandante delle Scuole dell’Aeronautica Militare – 3^ Regione Aerea, che ha sede a Bari e da cui dipende l’Isma, uno dei massimi istituti di formazione per gli ufficiali dell’Arma azzurra. Le sole autorità presenti erano il prefetto di Firenze Laura Lega, la vicesindaco Cristina Giachi, il generale di divisione dell’Esercito Pietro Tornabene comandante dell’Istituto Geografico Militare e del Presidio Interforze di Firenze.

Sul piazzale Bandiera dell’Isma (già Scuola di Guerra Aerea delle Cascine) era schierata una rappresentanza del personale militare e civile dell’Istituto nonché della Scuola Militare Aeronautica Giulio Douhet, il «college militare» dell’Aeronautica frequentato da allievi delle ultime tre classi di liceo classico e scientifico. 

Il saluto di Nuzzo

Un saluto molto sentito, anche emozionalmente, quello del generale Nuzzo (qui il suo curriculum) che ha ringraziato tutti i suoi colleghi e collaboratori, ma soprattutto Firenze e le istituzioni cittadine. «Hanno saputo creare un ambiente istituzionale che mi piace definire bello per il clima che si respira. Ma bello anche per i contenuti e lo sforzo per mettere sempre al centro le problematiche vere dei cittadini».  (Qui il testo integrale dell’intervento del generale Nuzzo). 

Chi è il generale Floreani: dalle Frecce Tricolori a Firenze

Generale  Urbano Floreani
Generale Urbano Floreani

Originario di Trofarello (To), 49 anni, il generale pilota Floreani ha frequentato il corso Marte IV dell’Accademia Aeronautica. Durante la sua carriera è stato assegnato al 4° stormo di Grosseto e al 5° stormo di Cervia. Da capitano, è stato pilota del 313° Gruppo Addestramento Acrobatico – molto più noto come le «Frecce Tricolori» – dove si è qualificato come Istruttore di Specialità, nelle categorie Acrobazia e Tattiche operative CBR. Ultimo importante incarico di comando per Floreani, prima di arrivare a Firenze, è stato quello alla guida del 4° Stormo di Grosseto, uno dei reparti della Difesa aerea nazionale attivo 24 ore su 24. (Qui il suo curriculum completo).

«Continueremo nel solco che hai tracciato – ha detto Floreani ringraziando Nuzzo per il lavoro svolto – dando continuità ai numerosi e importanti progetti che sono stati avviati. Affronteremo le nuove sfide con la consapevolezza che quanto è stato fatto costituisce una solida base per andare avanti nella giusta direzione». «Mi aspetto – ha subito aggiunto volgendo lo sguardo al personale schierato sul piazzale – che ci sia da parte vostra la giusta sensibilità nel cogliere le priorità e nel sostenere le attività in armonia e partecipazione pronti a venirci in aiuto senza che sia necessario chiederlo. Lavoreremo per raggiungere gli obiettivi, perché questa è la nostra natura, il giuramento solenne che abbiamo prestato, ma ci riusciremo solo se saremo capaci di farlo insieme». Qui il testo integrale dell’intervento del generale Floreani. 

Il «ben fatto» del Comandante

Come prassi ha chiuso gli interventi la massima autorità militare dell’Aeronautica. Sotto la guida del generale Nuzzo – ha detto il generale Colagrande –  «l’Istituto di Scienze Militari Aeronautiche ha saputo raggiungere ogni obiettivo pianificato e migliorare, al tempo stesso, il livello qualitativo». «A te Vincenzo – ha voluto aggiungere Colagrande dopo aver elencato alcuni dei principali eventi che hanno recentemente visto coinvolta l’Isma – rivolgo il ‘ben fatto’ da parte dell’Aeronautica Militare ed un ringraziamento mio personale per l’assoluta correttezza e per il rispetto reciproco che ha caratterizzato il nostro rapporto lavorativo». Rivolgendo i suoi auguri di buon lavoro al generale Floreani, Colagrande si è detto convinto che «saprai garantire, nel solco della continuità, il conseguimento dei nuovi e non facili obiettivi che vedono, nell’immediato futuro, coinvolto l’Istituto nell’attuale e complesso quadro di evoluzione dell’Aeronautica, in una forza armata sempre più moderna e dinamica e, quindi, sempre più coesa e utile al paese». Qui il testo integrale dell’intervento del generale Colagrande. 

GALLERIA FOTO

Tags: ,

Sandro Addario

Sandro Addario

Lascia un commento

Logo Osservatore

Osservatore Libero

Oltre la Cronaca. News, report e commenti
Chi siamo

Seguici su:

Collegati

Privacy Policy

Previsioni Meteo a cura dell’Aeronautica Militare