Dall’Avvento 2020 il nuovo «Padre Nostro» nelle chiese della Toscana

Cardinale Giuseppe Betori

FIRENZE – Dalla prima domenica di Avvento 2020, il 29 novembre, nelle chiese della Toscana dovrebbe entrare in vigore il «nuovo Messale» durante le celebrazioni liturgiche. Novità principale, tra le altre, la nuova formulazione del «Padre Nostro» e del «Gloria». Si tratta, come noto, della terza edizione italiana del Messale Romano, su cui la Cei ha lavorato per anni e che è stata approvata da Papa Francesco il 16 maggio 2019. Sarà obbligatorio in tutte le chiese italiane dalla prossima Pasqua (4 aprile 2021) ma potrà essere utilizzato in anticipo via via che verrà distribuito, attraverso le librerie, alle diocesi e alle parrocchie. 

Da qui l’auspicio del cardinale arcivescovo di Firenze Giuseppe Betori, che è anche presidente della Conferenza Episcopale Regionale della Toscana, di poter partire presto con il nuovo messale. Lo ha detto lo stesso Betori intervenuto all’Assemblea del Clero martedì 8 settembre presso la Certosa di Firenze: «Il quando potrebbe essere la prima domenica di Avvento il 29 novembre prossimo, ma per ufficializzare questa data attendo ancora un confronto con gli altri vescovi della Toscana». «Intanto – ha detto ai presenti all’assemblea – prepariamoci e prepariamo la nostra gente, valorizzando i sussidi della CEI e della Diocesi e impegnandoci a una breve catechesi sulla Celebrazione eucaristica durante le Messe domenicali dei mesi di ottobre e novembre». 

Il nuovo Messale

«Il Messale come guida della Celebrazione eucaristica – ha proseguito il cardinal Betori – non è un qualsiasi mezzo pastorale che ci viene offerto, ma la strada con cui la Chiesa ci indica il modo con cui compiere l’atto supremo della nostra vita di credenti, il memoriale della Pasqua di Cristo, da cui scaturisce e in cui culmina l’esistenza cristiana. La centralità ecclesiale del Messale motiva anche l’invito che vi faccio a cominciarne insieme l’utilizzo». 

Si tratta – dice Betori, che già nel 2008 da Segretario della Cei seguì direttamente i lavori della nuova traduzione del testo della Bibbia – di «un momento importante per tutta la Chiesa italiana ed occorre quindi prepararci ad accogliere questo dono prezioso che è il libro liturgico che guida e accompagna le nostre celebrazioni dove cambiano alcune formule con cui viene celebrata l’Eucaristia nella nostra lingua». «Le novità – precisa il cardinale – vanno ben al di là delle rinnovate formulazioni di un’espressione del Gloriae di due passi del Padre Nostro. Segnalo in particolare diverse riformulazioni delle Preghiere eucaristiche e delle Collette. Ma si tratta di riaccostarci all’intero Messalecon il cuore e la mente che lo riconoscano come un testo che vuole parlarci in modo nuovo di Dio e a Dio». 

Papa Francesco riceve il nuovo Messale dal cardinale  Gualtiero Bassetti e dal vescovo Claudio Maniago
Papa Francesco riceve il nuovo Messale dal cardinale Gualtiero Bassetti e dal vescovo Claudio Maniago. È il 28 agosto 2020 (Foto Osservatore Romano)

Cosa cambia

Ma quali sono le due principali novità del nuovo Messale? Nel Padre Nostro non verrà più recitato «e non ci indurre in tentazione», ma «non abbandonarci alla tentazione».  Non è Dio che ci «induce» in tentazione, ma è Dio che può aiutarci a resistere davanti alla tentazione. Questo il senso della nuova invocazione di fede, che di fatto cambia una secolare tradizione.Nella stessa preghiera del Padre Nostro è poi inserito un «anche» («come anche noi li rimettiamo»). Altra modifica riguarda il Gloria dove al posto di «pace in terra agli uomini di buona volontà» si dirà «pace in terra agli uomini, amati dal Signore». 

Qui il testo integrale dell’intervento del Cardinale Betori all’Assemblea del Clero a Firenze l’8 settembre 2020. 

Come acquistare il nuovo Messale? Qui le indicazioni dell’Ufficio Liturgico della CEI

.

POTREBBE INTERESSARTI: 26 novembre 2017

Tags: ,

Sandro Addario

Sandro Addario

Lascia un commento

Logo Osservatore

Osservatore Libero

Oltre la Cronaca. News, report e commenti
Chi siamo

Seguici su:

Collegati

Privacy Policy

Previsioni Meteo a cura dell’Aeronautica Militare