Firenze, cosa troverà il neo prefetto Guidi sul tavolo di Laura Lega

La conferenza stampa del prefetto Laura Lega. Da sin. il questore Filippo Santarelli, il generale Fabrizio Nieddu, il colonnello Antonio Petti
La conferenza stampa del prefetto Laura Lega. Da sin. il questore Filippo Santarelli, il generale Fabrizio Nieddu, il colonnello Antonio Petti

FIRENZE – Laura Lega, prefetto di Firenze uscente, si insedierà lunedì 30 novembre al Viminale a Roma nel nuovo ruolo di Capo del Dipartimento dei Vigili del fuoco, del Soccorso pubblico e della Difesa civile. Nella stessa giornata di lunedì 30 entrerà in carica il nuovo prefetto di Firenze, Alessandra Guidi, in arrivo dal Ministero dell’Interno. Lascia l’incarico di vice Direttore generale per l’attività di coordinamento e di pianificazione delle Forze di Polizia presso il Dipartimento della pubblica sicurezza.

I due prefetti non si incontreranno per un formale passaggio delle consegne e una stretta di mano. Questa è la prassi da anni del Ministero dell’Interno, anche per i Questori. Uno va, l’altro arriva. A maggior ragione oggi in piena emergenza sanitaria.

Saluti in «smart working»

Molti sono i contatti degli ultimi giorni fiorentini per il prefetto Lega con gli esponenti istituzionali, economici e sociali di Firenze e area metropolitana. Tra gli ultimi un Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, con i sindaci e i vertici delle Forze di Polizia, si è svolto in «smart working» nel pomeriggio di giovedì 26. Al termine una conferenza stampa per un bilancio di fine incarico sulla situazione dell’area metropolitana fiorentina. A fianco del prefetto c’erano il questore Filippo Santarelli, il generale Fabrizio Nieddu e il colonnello Antonio Petti, comandanti provinciali rispettivamente di Guardia di Finanza e Carabinieri. 

Un saluto e un ringraziamento è arrivato anche dal sindaco Dario Nardella, che, alla guida della sua auto (opportunamente in sosta), ha sottolineato il comune lavoro svolto con Laura Lega «con molta innovazione», i cui frutti «sicuramente non si disperderanno». 

Gli ultimi atti della gestione Lega

Quando si conclude un incarico c’è sempre qualcosa di incompiuto, abbiamo chiesto al prefetto Lega. Nel suo caso cosa lascia sul tavolo alla collega che prenderà il suo posto? 

«Proprio negli ultimi tempi – risponde – abbiamo lavorato ad un nuovo protocollo antimafia, con il coinvolgimento di tutti i 10 prefetti dei capoluoghi toscani, che abbiamo proposto alla Regione. Ci auguriamo che possa essere rapidamente condiviso. Lo abbiamo già fatto con i Comuni, ora lo proponiamo a livello regionale. Dobbiamo stringere le maglie per evitare il rischio di aumento di infiltrazioni criminali, soprattutto in questo periodo fragile per le realtà economiche, che può rapidamente trasformarsi in una vera e propria emergenza».  

Cosa altro troverà il prefetto Guidi sul suo tavolo a Palazzo Medici Riccardi? 

Un protocollo contro la violenza alle donne, stilato proprio oggi 26 novembre e condiviso con tutti gli attori del territorio competenti. Dalle forze di Polizia, alle Procure, al Tribunale dei Minorenni di Firenze. Ma anche altri organismi come i Centri antiviolenza, la Regione, il Comune di Firenze. Si tratta di un protocollo importante che cerca di mettere a sistema nel modo migliore quelle che sono già le eccellenze presenti, ma coordinandole meglio. È un documento già pronto che spero venga alla luce nelle prossime settimane. 

Si parla anche di un protocollo con il Consolato degli Stati Uniti a Firenze? 

Esattamente. Lo firmiamo domani 27 novembre. Un protocollo con Comune, Università di Firenze e Consolato Generale Usa che  punta a garantire la sicurezza degli studenti americani. Un documento che nasce dopo un percorso fatto anche con gli Istituti universitari americani presenti a Firenze. Non appena gli studenti potranno finalmente tornare a Firenze, dopo l’emergenza sanitaria, si troveranno una situazione che li accompagnerà con nuove modalità operative a loro favore estremamente importanti». 

Novità in arrivo in tema ambientale sui rifiuti? 

Anche qui un nuovo protocollo per i siti di stoccaggio dei rifiuti urbani. Lo firmiamo anche questo domani 27. Un settore estremamente delicato, per il quale ci saranno aggiornati piani di emergenza esterni. Un punto fermo, da cui poi proseguire l’attività. 

AGGIORNAMENTI

Qui il comunicato della Prefettura di Firenze del 27 nov 2020 su:  Piani di emergenza esterna per gli impianti di stoccaggio e di lavorazione dei rifiuti 

Qui il comunicato della Prefettura di Firenze del 28 nov 2020 su: Fruizione del territorio e sicurezza per gli studenti stranieri a Firenze

ARTICOLO PRECEDENTE

21 novembre 2020

Tags: , ,

Sandro Addario

Lascia un commento

Logo Osservatore

Osservatore Libero

Oltre la Cronaca. News, report e commenti
Chi siamo

Seguici su:

Collegati

Privacy Policy

Previsioni Meteo a cura dell’Aeronautica Militare