Polizia di Stato cittadina onoraria di Cortona, nel nome di Emanuele Petri

Il dottor Armando Nanei, rappresentante del capo della Polizia, al Consiglio comunale di Cortona per la consegna della cittadinanza onoraria alla Polizia di Stato

CORTONA (Ar) – Consiglio Comunale straordinario a Cortona (Ar) per il conferimento della cittadinanza onoraria alla Polizia di Stato. In una data particolare, martedì 2 marzo, nel 18° anniversario della tragica uccisione del poliziotto della Polfer Emanuele Petri, sul treno tra Terontola e Castiglion Fiorentino. Di fatto proprio sul territorio comunale di Cortona. 

Una decisione votata all’unanimità dal consiglio comunale della città «etrusca», presieduto da Nicola Carini, già nel novembre 2020. «Per testimoniare – ha sottolineato il sindaco Luciano Meoni – per l’importanza del lavoro che quotidianamente svolge la Polizia di Stato nel nostro territorio. Un impegno oggi reso ancora più gravoso dalla pandemia. Il nostro pensiero in questa ricorrenza non può che andare alla memoria di Emanuele Petri, ai suoi familiari e ai colleghi del posto Polfer di Terontola che riteniamo fondamentale presidio per la sicurezza». 

Comune di Cortona e Polizia di Stato
Comune di Cortona e Polizia di Stato

A ritirare il riconoscimento è arrivato da Roma il dottor Armando Nanei, direttore dell’Ufficio Centrale Ispettivo del Dipartimento della Pubblica sicurezza, molto noto in Toscana per essere stato questore di Firenze dal marzo 2019 al giugno 2020. Rappresentava il capo della Polizia Franco Gabrielli, appena nominato anche Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega alla sicurezza della Repubblica. «Il capo della Polizia è molto dispiaciuto di non poter essere oggi qui a Cortona» ha detto Nanei, aggiungendo subito con una battuta «ma in compenso sono molto contento io». «Un riconoscimento come quello della vostra città – ha proseguito Nanei, che in passato è stato anche capo della Polizia Ferroviaria – testimonia che la gente ci vuole bene e ci vuole vedere. Il nostro impegno è stare a contatto sempre con il territorio. L’autoreferenza non ci interessa». Guardando poi la fascia tricolore del sindaco Meoni, Nanei ha aggiunto che «rappresenta due fattori fondamentali: l’autorità di governo e l’autorità locale di pubblica sicurezza». Un ruolo, specie quest’ultimo, che lo lega ancora di più alla Polizia di Stato, in quanto, come noto, il Questore è l’autorità di pubblica sicurezza a livello provinciale. 

La pergamena della cittadinanza onoraria alla Polizia di Stato
La pergamena della cittadinanza onoraria alla Polizia di Stato

La motivazione

Questa la motivazione che si legge nella pergamena del conferimento della cittadinanza onoraria di Cortona alla Polizia di Stato. «Con riconoscenza e ammirazione la comunità cortonese conferisce la cittadinanza onoraria alla Polizia di Stato, quale segno di gratitudine  per il diuturno ‘Servizio’  reso all’intera Nazione e al nostro territorio, nell’indelebile ricordo del sacrificio di uno dei suoi Figli migliori, caduto per difendere la Libertà e la Democrazia. Per i meriti che le donne e gli uomini della Polizia di Stato hanno acquisito nel quotidiano impegno, anche in questo periodo complesso segnato dalla pandemia, dalla conseguente crisi economica e dalla diffusa preoccupazione per la sicurezza delle persone e delle cose. La Polizia di Stato è stata ed è in prima linea, vigilando sul rispetto delle regole nonché svolgendo azioni di prevenzione e repressione delle condotte criminali e gli altri compiti istituzionali». 

Chi c’era alla cerimonia

Alla cerimonia, svolta nella suggestiva sede congressuale del Centro Convegni Sant’Agostino a Cortona nel rigido rispetto delle normative anti Covid-19, era presente il neo sottosegretario all’Interno  Nicola Molteni. Tra le autorità presenti il prefetto di Arezzo Anna Palombi, i questori di Arezzo Dario Sallustio e di Perugia Antonio Sbordone, il sindaco di Castiglion Fiorentino Mario Agnelli, i comandanti provinciali di Carabinieri, Guardia di Finanza e Vigili del Fuoco, rispettivamente colonnello Vincenzo Franzese, colonnello Adriano Lovito e ingegner Geremia Coppola. Per la Regione Toscana c’erano il vice presidente del Consiglio regionale Marco Casucci e il consigliere Gabriele Veneri

In precedenza, nella mattinata, una  cerimonia commemorativa in ricordo del Sovrintendente della Polizia di Stato Emanuele Petri si era svolta presso la stazione ferroviaria di Castiglion Fiorentino alla quale ha partecipato la vedova signora Alma Broccolini Petri

da sin. Nicola Carini (presidente Consiglio Comunale), sindaco Luciano Meoni, direttore Armando Nanei, questore Dario Sallustio
da sin. Nicola Carini (presidente Consiglio Comunale), sindaco Luciano Meoni, direttore Armando Nanei, questore Dario Sallustio

Tags: , ,

Sandro Addario

Lascia un commento

Logo Osservatore

Osservatore Libero

Oltre la Cronaca. News, report e commenti
Chi siamo

Seguici su:

Collegati

Privacy Policy

Previsioni Meteo a cura dell’Aeronautica Militare