Carabinieri e Città della Speranza contro le malattie oncologiche infantili

Il libro del generale Adinolfi in favore della Città della Speranza

Il libro del generale Adinolfi in favore della Città della Speranza

FIRENZE – «Never lose hope», mai perdere la speranza. Non è solo un quotidiano impegno di vita, ma anche il titolo di un libro scritto da un Carabiniere. Un militare che conosce l’Arma come le sue tasche per avervi percorso una lunga carriera fino al grado di generale di corpo d’armata. Carmine Adinolfi ha conosciuto non solo le tante facce della vita operativa ma anche e soprattutto lo spirito che anima il carabiniere nel suo quotidiano e silenzioso lavoro accanto alla gente.

CITTÀ DELLA SPERANZA

Da quando nel 2017  ha lasciato il servizio attivo, il generale Adinolfi si dedica a tempo pieno a promuovere iniziative a favore della «Città della speranza», la Fondazione onlus di Padova che cura e assiste bambini affetti da patologie oncologiche. Si tratta di un centro di eccellenza divenuto riferimento nazionale per la diagnosi di leucemie, linfomi e tumori solidi. È attivo anche come istituto di ricerca pediatrica, divenuto il più importante polo a livello europeo in questo settore.

L’«alleanza» tra Arma dei Carabinieri e Città della Speranza risale al 2015 quando il generale Adinolfi guidava il Comando Interregionale Vittorio Veneto a Padova. E fu «amore a prima vista» dal momento che da allora sono state numerosi gli eventi benefici promossi insieme, tra i quali anche concerti della Banda dell’Arma e di alcune Fanfare. Ora la pubblicazione del libro «Never lose hope» (Laurus Robuffo Editore 2018, euro 12,00) il cui intero ricavato – al netto delle sole spese vive per la stampa – sarà distribuito tra la Fondazione Città della Speranza e l’Onaomac, l’Opera nazionale di assistenza per gli orfani dei militari dell’Arma dei Carabinieri.

PRESENTAZIONE A FIRENZE

Adinolfi si è messo in giro per l’Italia per presentare questo libro. Lunedì 29 ottobre è stato alla Scuola Marescialli e Brigadieri di Firenze, accolto dal comandante dell’Istituto generale di divisione Gianfranco Cavallo, che nel suo saluto ha tra l’altro sottolineato il costante impegno dell’Arma nel sociale. Tra i presenti anche il prefetto di Firenze Laura Lega, l’ex comandante generale dell’Arma Tullio Del Sette, che ha sempre condiviso e incoraggiato l’iniziativa spontanea del collega Adinolfi e l’Ispettore regionale dell’Associazione Nazionale Carabinieri colonnello Salvatore Scafuri. La Citta della Speranza era rappresentata dalla dottoressa Stefania Fochesato e dalla dottoressa Lara Mussolin, che hanno illustrato le attività della Fondazione, in particolare nel settore della ricerca.

LA TRAMA DEL LIBRO

Di cosa parla il libro «Never lose hope»? Sono cinque racconti, nati dalla fantasia (pur sempre documentata) dell’autore e ambientati in un piccolo paese del Trentino negli anni ’50. Una comunità come tante: parroco, sindaco, maresciallo dei carabinieri. Gli abitanti, abituati a condurre una vita semplice in montagna, improvvisamente vengono travolti da eventi allarmanti che turbano la loro quotidianità. Escono fuori racconti brevi ma efficaci come : «Brividi in montagna», «L’improvvisa scomparsa della piccola Giulia», «Rapimento del piccolo Marcellino», «Pericolo di slavine». Con un finale che sprona all’ottimismo: «Mai rinunciare a sognare».

AD ARMI PARI

Un libro tutto d’un fiato, destinato non solo a chi veste la divisa o ai suoi familiari, ma anche a tanta gente «comune» che vede nell’Arma un quotidiano e irrinunciabile punto di riferimento. Alla presentazione alla Scuola Marescialli di Firenze hanno assistito centinaia di allievi collegati in video dalle varie aule. A tutti si è rivolto il generale Adinolfi ricordando loro che quando saranno Comandanti di Stazione non basterà solo essere efficienti sul piano operativo ma anche saper essere vicini alle fasce deboli quali anziani e bambini. Tra questi ultimi potrebbe trovarsi anche qualcuno vittima di una malattia oncologica, che se scoperta in tempo potrebbe essere davvero affrontata ad armi pari. Con sempre crescenti possibilità di sconfiggerla. Prima di Firenze il «tour» del generale Adinolfi ha toccato Roma. Torino, Brescia. Prossimi incontri a Velletri, Venezia, Padova, Sardegna e Campania. Ma è solo l’inizio.

 

NEVER LOSE HOPE Mai perdere la speranza

  • Racconti di Carmine Adinolfi
  • Laurus Robuffo Editore
  • Data pubblicazione 15 ottobre 2018
  • Formato Cartaceo
  • ISBN   978-88-8087-761-5
  • Pagine            176
  • Per acquisti on-line qui

 

FOTOGALLERY DELLA PRESENTAZIONE A FIRENZE

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

 

 

Tags: ,

Sandro Addario

Sandro Addario

Commenti (1)

  • Avatar

    Giovann Muselli

    |

    È la dimostrazione tangibile della qualità umana e della spiccata sensibilità che è presente nella maggior parte dei carabinieri di qualsiasi grado che danno forma concreta al concetto di prossimità e di aiuto alle persone in difficoltà,che è tra le finalità di una delle istituzioni più credibili e, malgrado qualche vicenda recente, più amate nel Paese.

    Reply

Lascia un commento

Logo Osservatore

Osservatore Libero

Oltre la Cronaca. News, report e commenti
Chi siamo

Seguici su:

Collegati

Privacy Policy

Previsioni Meteo a cura dell’Aeronautica Militare