Cybersicurezza, dalla Toscana una gara per difendersi dagli hacker

La presentazione della gara sulla cybersicurezza alla Regione Toscana
La presentazione della gara sulla cybersicurezza alla Regione Toscana: da sin. Rocco De Nicola (Imt Lucca), presidente Eugenio Giani, Gianluca Vannuccini (Dir. Infrastrutture Digitali Regione), assessore Stefano Ciuoffo

FIRENZE – Una gara sul web per imparare a conoscere la sicurezza informatica (la cosiddetta cybersicurezza) e difendersi dai sempre più frequenti attacchi degli hacker, più o meno dannosi. È quanto propone la Regione Toscana per sabato 19 giugno dalle 8 alle 22 sul sito https://dantectf.it

Una specie di «caccia al tesoro», tra presunti gironi danteschi, alla quale si sono già iscritti oltre 200 giovani. A ciascun partecipante verrà proposto un percorso da superare, tra insidie e password da scoprire. Un ipotetico attacco informatico, fatto apposta per «violare» una barriera apparentemente inaccessibile. Con il risultato di capire quali e quante sono le insidie da cui ci si può difendere. 

«La notte della sicurezza cibernetica – si legge in una nota – prevede anche la proclamazione di coloro che risulteranno vincitori della sfida. A loro andranno premi (sia gadgets che visite aziendali) messi a disposizione da aziende toscane che partecipano all’evento, già coinvolte nel progetto Cyber. Per contribuire alla celebrazione dei 700 anni dalla morte del poeta, il Dante Cft, lo storyboard delle sfide è stato costruito intorno alla sua vita e alle sue opere». 

Sarà anche un’occasione per mettere in contatto i giovani con aziende del settore, dal momento che la domanda di esperti in sicurezza cibernetica (anche da formare) è in costante crescita a livello mondiale. 

«Il progetto europeo Cyber, da 1,8 milioni di euro – ha detto Stefano Ciuoffo assessore regionale della Toscana alle infrastrutture informatiche – oltre alla nostra regione vede come capofila la Regione Bretagna (Francia). Partners  sono anche l’Organizzazione Europea per la cybersecurity (ECSO), l’Istituto per la competitività di Castilla y León (Spagna), l’Agenzia Vallonia Digitale (Belgio), la Camera di Commercio e dell’Industria della Slovenia (Slovenia), l’Autorità per i Sistemi Informativi estoni (Estonia) e Kosice IT Valley (Slovacchia).  Il progetto affronta tre macro barriere comuni rappresentate dalla carenza di coordinamento degli attori regionali, dalla frammentazione del mercato e dalla mancanza di talenti. La creazione e il miglioramento di ecosistemi innovativi sono visti come una soluzione da investigare attraverso lo scambio interregionale di buone pratiche».

Sandro Addario

Lascia un commento

Logo Osservatore

Osservatore Libero

Oltre la Cronaca. News, report e commenti
Chi siamo

Seguici su:

Collegati

Privacy Policy