Scuola Aeronautica Douhet: il giuramento del Corso Taurus (Video Foto)

Dopo il giuramento, l'abbraccio dei familiari ai giovani cadetti del Corso Taurus della Scuola Militare Aeronautica Giulio Douhet
Dopo il giuramento, l’abbraccio dei familiari ai giovani cadetti del Corso Taurus della Scuola Militare Aeronautica Giulio Douhet

FIRENZE – Genitori e familiari emozionatissimi al giuramento dei «loro» allievi del Corso Taurus della Scuola Militare Aeronautica «Giulio Douhet» di Firenze. Un evento, finalmente in presenza dopo due anni di astensione, che si è svolto venerdì 29 aprile nel piazzale dell’Istituto di Scienze Militari Aeronautiche. Trentadue giovanissimi allievi e allieve, a 16 anni già con le stellette, hanno confermato la loro scelta di entrare nell’Aeronautica militare per completare gli ultimi tre anni di liceo classico o scientifico. Sono entrati alla Douhet nel settembre 2021 e dopo la maturità sceglieranno se tornare alla vita civile iscrivendosi all’università oppure (come in molti già auspicano) partecipare ai concorsi di ammissione ad una delle Accademie di Aeronautica, Marina, Esercito, Guardia di Finanza. 

QUATTRO CACCIA IN VOLO SU FIRENZE

Momento solenne quello del giuramento di fedeltà alla Repubblica, davanti al ministro della Difesa Lorenzo Guerini e al Capo di Stato maggiore dell’Aeronautica generale di squadra aerea Luca Goretti. In quel preciso momento una formazione di quattro caccia (2 Eurofighter del 4° Stormo di Grosseto e 2 Tornado del 6° Stormo di Ghedi) hanno sorvolato il piazzale dell’Isma, dopo aver attraversato il cielo di Firenze suscitando molta curiosità tra la gente. Ma era solo un indirizzo di saluto dell’Arma azzurra ai suoi giovanissimi «cadetti», come già si era verificato nel precedente giuramento del corso Sirio nell’aprile 2021. 

Padrino del corso Taurus è stato designato il generale di brigata aerea Luigi Casali, Capo di Stato maggiore del Comando Scuole dell’Aeronautica Militare. È stato lui a consegnare alla capo corso il gagliardetto del Taurus, successivamente benedetto dal cappellano dell’Aeronautica a Firenze don Salvatore Varavallo.

Molte le autorità presenti, accolte dal comandante delle Scuole dell’Arma azzurra generale Silvano Frigerioe dal comandante dell’Isma di Firenze generale Urbano Floreani. Tra queste il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani, il vice sindaco di Firenze Alessia Bettini, il prefetto di Firenze Valerio Valenti, parlamentari e vertici militari della Toscana. 

«Ascoltare prima di parlare, dare prima di chiedere»

Prima di pronunziare la formula del giuramento, il comandante della Scuola Douhet colonnello Davide Rosellini ha, tra l’altro, ringraziato i genitori degli allievi «per aver cresciuto e sostenuto, prima di affidarcelo, un preziosissimo patrimonio umano che la nostra scuola si sta impegnando a valorizzare». «In una società dove tutto sembra permesso – ha aggiunto Rosellini – è evidente che esistono ancora ragazzi e ragazze che sanno ascoltare prima di parlare, dare prima di chiedere, servire prima di pretendere». Qui l’intervento completo del colonnello Rosellini

Il saluto dell’Aeronautica militare è stato portato dal generale Goretti, che all’inizio («fuori protocollo» come ha detto) si è voluto pubblicamente complimentare con la capo corso del Taurus (allieva Lucia Ribatti n.d.r.) per l’efficiente preparazione sua e dei suoi colleghi a questa importante giornata. La scelta degli allievi – ha detto loro Goretti – «richiederà sacrifici, ma sarà ampiamente ricompensata dalle soddisfazioni che raccoglierete, dai legami indissolubili che stringerete e soprattutto dalla consapevolezza che oggi state ponendo le basi per diventare protagonisti del nostro amato Paese».  Qui l’intervento del Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica. 

In conclusione come prassi ha preso la parola il ministro della Difesa Guerini che ha da subito ricordato come i giovani allievi del Taurus, oggi sedicenni, hanno la stessa età della Scuola Douhet nata nel 2006. «Siete – ha detto loro il ministro – l’espressione delle qualità e dei valori più preziosi incarnati dal nostro amato Paese: l’etica, lo spirito di servizio, l’abnegazione e il rispetto delle regole. Caratteristiche che vi distingueranno per sempre nel proseguo delle vostre carriere». 

Sull’impegno italiano nella crisi ucraina, Guerini ha voluto «ringraziare tutti gli uomini e le donne in uniforme, per il lavoro che stanno svolgendo a favore dell’Alleanza Atlantica, dell’impegno europeo, nello sforzo di rafforzamento della deterrenza. In particolare voglio ringraziare l’Aeronautica Militare che è impegnata in questo sforzo con il dispiegamento di 8 Eurofighter alla base di Costanza in Romania, nell’attività di sorveglianza dello spazio aereo sul fianco est e anche da pochi giorni con l’invio di 4 F35 in Islanda per la sorveglianza aerea sul fianco nord e nella regione artica». Qui l’intervento integrale del ministro Guerini.

L’ABBRACCIO DEI FAMILIARI

Al termine lo sfilamento in parata degli oltre 100 allievi della Douhet (Corso Rigel del 3° anno e Corso Sirio del 2°) con la Fanfara del Comando delle Scuole/3ª Brigata Aerea diretta dal Luogotenete Nicola Cotugno. E, finalmente, lo «sciogliete le righe» per gli allievi del Taurus del 1° anno che hanno potuto abbracciare i familiari, orgogliosi e certamente più commossi di loro. Dopo qualche ora di attesa, anche le lacrime hanno avuto il loro doveroso via libera.

VIDEO

.

GALLERIA FOTO

33 IMMAGINI

.

.

Tags: ,

Sandro Addario

Lascia un commento

Logo Osservatore

Osservatore Libero

Oltre la Cronaca. News, report e commenti
Chi siamo

Seguici su:

Collegati

Privacy Policy